.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Comprenetrazione di corpi di sangue e metallo

Crash

Ritorna in sala il capolavoro di David Cronenberg che anticipa il decadimento della societÓ civile


di Roberto Leggio


Il produttore cinematografico James Ballard e la moglie Catherine sono in crisi coniugale. Quasi indifferenti l'uno verso l'altra, hanno rapporti con altri partner, anche occasionali, e poi si descrivono reciprocamente gli incontri. Quando rimangono coinvolti in un grave incidente d'auto insieme alla macchina guidata dalla dott.ssa Helen, dove le muore il marito, le cose cambiano radicalmente. Il rischio mortale e l'eccitazione provata durante la guarigione, non solo porta James ad avere relazione con Helen, ma inducono la coppia ad insistere nella ricerca del rischio estremo, della sfida alla morte come supremo momento di esaltazione fisica e sessuale.


La compenetrazione dei corpi di carne e quelli di metallo. Crash, capolavoro sex meccanico di David Cronenberg tratto da James Ballard, torna in sala ed Ŕ nuovamente scandalo. Nella sua versione 4k restaurata e distribuita da Movies Inspired solo in sale selezionate, riempie lo schermo e gli occhi dello spettatore facendoci ancora riflettere su quanta decadenza ci circonda (ancor pi¨ oggi nei giorni del Corona Virus) nella nostra societÓ puntata pi¨ al piacere (o all'avere) che all'essere. Piacere sessuale in ogni forma e specie, anche estrema. E il piacere del metallo in corsa verso la modificazione dei corpi di carne quando impattano nell'incidente perfetto. Proprio come immagina uno dei protagonisti ossessionato nel ricreare la quintessenza della morte in scontri mortali che hanno portato via grandi personalitÓ del passato. Orgasmo in macerie e resti metallici compressi. Ma la metafora di Ballard, e molto di pi¨ quella di Cronenberg (che ha sempre filmato la modificazione dei corpi umani); Ú che in fondo noi stessi, ormai giunti alla fine, vorremmo arrivare ad essere perfetti con placche di ferro, estensioni metalliche da applicare al nostro corpo in una fusione/contaminazione ottimale tra carne e macchina. Visionario e molto, moltissimo in anticipo sui tempi, Crash ribadisce la decadenza inevitabile della nostra civiltÓ, verso un futuro incerto e volendo senza scampo. Da rivedere e riscoprire senza se e senza ma.

Giudizio ****



(Giovedý 23 Luglio 2020)


Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro