.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Le confessioni di un capo redattore

Il guardiano dei raccomandati


di Elena Scerni


La battuta inserita nel racconto che segue potreste sentirla pronunciare in un film di Neri Parenti o dei fratelli Vanzina. Invece Ŕ un episodio reale di quotidiana incapacitÓ di scrivere...
Mi lamento con mio amico per la crisi di lavoro come free-lance. Lo invidio un po' perchŔ lui fa il capo redattore in un' importante agenzia di stampa nazionale.
Inaspettatamente raccolgo questa amara confessione:
"Credi davvero che sia un lavoro gratificante il mio? Mi sono ridotto a fare il guardiano dei raccomandati. Nella mia redazione ormai sono tutti sponsorizzati. Hanno assunto il figlio di ..., la figlia di ...
Qualcuno Ú bravo ma la maggior parte sono delle zucche e non mi posso fidare. Devo controllare tutti i pezzi.
Ti racconto quest'episodio per farti capire. Qualche tempo fa ho assegnato ad uno di questi il compito di battere una notizia di politica estera che riguardava una catastrofe in un paese straniero.
Sai cosa ha scritto per raccontare il fatto che molta gente aveva lasciato le case dopo il terremonto?
"La popolazione ha appena finito di evacuare."
Meno male che ero presente in redazione ed ho potuto rimediare!



(Venerdý 13 Gennaio 2006)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro