.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Riflessioni sull’esistenza tra dramma e speranza

Tra sacro e profano

A Venezia dal 27 marzo al 6 aprile


di red.


Parte domani, presso il Cineforum Cinit Frari di Venezia la rassegna cinematografica “Tra Sacro e Profano
Riflessioni sull’esistenza tra dramma e speranza”


La manifestazione, ideata da Giovanni Santoro comprende quattro appuntamenti ed analizza quattro opere filmiche di registi famosi che trattano temi quali: Il dubbio, la fede, la Natura.

Gli influssi esterni della cultura, della tradizione e della società regolano e a volte sconvolgono la vita delle persone. La religione non è l’unico culto a far breccia negli animi di chi a bisogno di Credere. La necessità di comprendere, di confrontarsi con se stessi e allo stesso tempo con qualcosa di più grande è insito nella natura dell’uomo ma può portare in direzioni diametralmente opposte. Raggiungere la pace interiore, la conoscenza di sé implica un percorso difficile e doloroso dal quale non sempre ci si riprende e nel quale simboli sacri e profani si intrecciano, si ostacolano e compenetrano a vicenda risolvendosi nelle contraddizioni della società odierna.

Questo il programma:

Lunedì 27 marzo 2006, ore 21:
Primavera, estate, autunno, inverno…e ancora primavera – di Kim Ki-duk (2003)
Su di una piccola isola, al centro di un laghetto sperduto tra le
vallate della Corea, si trova un minuscolo eremo; qui vivono un monaco maestro, adulto, ed un bambino, che è il suo discepolo. Il piccolo è lì per apprendere a vivere nello spirito e nello stile di vita dei monaci. La sua educazione procede, seguendo l'impietoso ed inevitabile scorrere del tempo, identificato dalle stagioni che si susseguono, così simili anno dopo anno, ma allo stesso tempo così sottilmente diverse. Un giorno giunge nell'eremo una giovane che ha bisogno di farsi curare ed egli, ormai ragazzo, cadrà vittima della seduzione sia della donna che del mondo esterno al suo eremo, fino ad allora unico confine della sua esperienza di vita. Si lascerà trascinare, se ne andrà con lei, conoscerà i lati peggiori del mondo che tanto aveva desiderato vivere, ed alla fine tornerà al suo eremo, ormai adulto, e qui sarà lui, ormai maestro a sua volta, ad assumersi il compito di educare un bambino alla vita che ha davvero scelto. Kim Ki-Duk decide di fare un film diverso dai precedenti, lo sperimentalismo e la violenza lasciano spazio a un simbolismo estremo, molto raffinato. Il film scorre armonioso e silenzioso, quasi un pamphlet illustrativo del buddismo.


Giovedì 30 marzo 2006, ore 21:
Il giardino delle vergini suicide – di Sofia Coppola (1999)

In una cittadina del Michigan, a metà degli anni Settanta, le cinque
sorelle Lisbon, adolescenti d’inquietante beltà, sono l’oggetto del
desiderio, della curiosità e della venerazione dei ragazzi del
vicinato. La più piccola, Cecilia, tenta il suicidio: quello che
seguirà è destinato a rimanere scolpito per sempre nella memoria dei
sopravvissuti. Al suo esordio nel lungometraggio, Sofia Coppola, figlia
del regista, sceglie una storia ben poco gradevole, programmaticamente "antipatica", che offre un ritratto niente affatto consolatorio dell’adolescenza, e si assume tutti i rischi del caso. Sarebbe stato facile farne una bella fiaba, buttarla sul ridere facendo un film da college o snaturando il tutto in un pasticcio dark "maledetto" e manierato: saggiamente, l’autrice ha optato per un tono onirico, che non esclude l’orrore e la tragedia, ma li sublima nell’essenza del ricordo. Il film, tutto girato in un’oscillazione continua tra reale e surreale, tra sacro e profano, tra commedia sentimentale e noir, trasmette il dramma del suicidio senza renderlo struggente, con un linguaggio visivo ovattato ma penetrante, giocando con visioni oniriche e brevi, impennate violente ma senza turbare mai lo spettatore. A scioccare è più l’atmosfera pesante che soffoca chi osserva, questa sensazione di freno, di piena interrotta bruscamente, di vitalità che non può fluire liberamente.


Lunedì 3 aprile 2006, ore 21:
The Village – di M. Night Shyamalan (2004)

Il bosco è il luogo delle paure ancestrali per antonomasia. Lo sanno
anche i bambini, e lo sa bene il giovane regista di origini indiane M.
Night Shyamalan. Così, “The Village” trae ispirazione da favole e
leggende, ma parla delle debolezze umane e dell’impossibilità di
fuggire da sé stessi. Una piccola comunità autarchica e super-ortodossa vive pacificamente e amorevolmente in una radura collinare circondata da una fitta boscaglia. Il prezzo dell’isolamento è vissuto senza troppi problemi visto che la contropartita è l’incolumità, ovvero il
patto di non belligeranza con le spaventose Creature che popolano il
bosco. I paesani non sconfinano nel territorio dei "Mostri" e loro,
gentilmente, li lasciano coltivare rape ed allevare capretti in santa
pace. Ma un giorno l’ideale equilibrio si spezza, le Creature
sconfinano e le irrequietezze di un giovane coraggioso che pensava che il mondo fosse più grande di una bucolica striscia di terra, si
placano. Forse però è comunque arrivato il momento che qualcuno faccia il Grande Salto ed attraversi la selva oscura per chiedere aiuto…

Giovedì 6 aprile 2006, ore 21:
Cuore Sacro – di Ferzan Ozpetek (2005)
La vita di Irene Revelli, interpretata con efficacia da Barbara
Bobulova, s’ingarbuglia all’improvviso a causa di una serie di
circostanze che la rivoluzionano completamente. L’ereditiera e
imprenditrice spietata si trova a scoprire la stanza, intatta, della
madre scomparsa da anni. Le pareti sono coperte da scritte
incomprensibili e raffigurazioni religiose. Contemporaneamente conosce Benny, una ragazzina furba e tenera che la conduce verso i sobborghi di Roma, nelle case dei poveri, negli incavi dei senza tetto. Grazie a lei incontra anche Padre Carras, impegnato senza sosta nel recupero delle persone sofferenti e bisognose. Inizia così un percorso umano e religioso verso la redenzione, la carità, la follia.


L’ingresso al cineforum è riservato ai soci Cinit Frari. La tessera
Cinit Frari valida per tutte le proiezioni del 2006 è acquistabile al
prezzo di 5 euro. Informazioni: Patronato dei Frari (041.710487) dal lunedì al sabato dalle 16 alle 18.
(info@nonsolocinema.com)


A tu per tu con "il cuore sacro" di Ozpetek
Ferzan l'altruista
Il regista svela le ragioni del suo ultimo film



(Domenica 26 Marzo 2006)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro