.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Tre grandi attori per un corto molto professionale

Il Naso

Comicità in salsa surreale


di Oriana Maerini


Visto in un'assolata domenica elettorale, nell'ambito della rassegna
Cinematic Brunch del Supperclub di Roma, il cortometraggio Il naso del regista Pietro Sussi è riuscito ad allentare la mia tensione pre-cabina elettorale.

Il piccolo fim è un prodotto molto professionale (ottimi il montaggio e la regia) che fa sorridere grazie ad una comicà surreale proposta in un'ambientazione d'epoca (anni 50). Vedendolo si capisce che il regista (che è anche autore del montaggio) ha una formazione cinematografica di tutto rispetto. Sussi si è, infatti, già cimentato con un lungometraggio ( The House of Chicken, un film vincitore di molti premi fra cui il Platinum Award del Montecarlo Film Festival dé la Comediè di Ezio Greggio.)

Il Naso racconta l’incredibile avventura di un Assessore (Leo Gullotta) che si sveglia una mattina, senza organi genitali.
Il suo pene, diventato un uomo in carne ed ossa (Pino Insegno) ha preso il largo. Viene identificato dalla polizia, su un treno diretto in Olanda, e riportato al legittimo proprietario. Il dottore (Oreste Lionello) chiamato per risolvere la situazione, consiglia all’assessore di non intervenire perchè a suo giudizio si vive meglio senza.
Il giorno successivo, l’Assessore, si sveglia, però, con il pene al suo posto. Felice ed entusiasta di essere tornato alla normalità, promette, a se stesso e al “suo…” di iniziare una nuova vita. Ma le promesse, si sa, durano poco…e al calar del sole il “suo…” è nuovamente scomparso di nuovo.

Il set


Dichiaratamente ispirato al genio grottesco di Gogol, Il Naso mi ha richiamato alla mente anche il libro "Io e lui" di Moravia per il rapporto di simbiosi e dialogo dell'uomo con il membro. L'imbarazzante argomento dell'assenza di pene, che potrebbe risultare pesante e noioso, e che, forse, sottintende una metafora politica, (perchè il protagonista è un assessore?) è qui trattato in modo grottesco e leggero.

Bravissimi gli attori fra i quali spicca un disperato Leo Gullotta che non si rassegna a vivere senza il suo attributo.
Il corto si è conquistato numerosi riconoscimenti fra cui tre Nastri d’Argento per gli attori, il Premio speciale della giuria allo Short Film Contest e il Premio Speciale della Giuria al Fano Film Festival.

Il regista Pietro Sussi




Al Supperclub di Roma
“Cinematic Brunch”
Per tutto il mese di aprile



(Giovedì 13 Aprile 2006)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro