.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Presentata oggi la 54.ma edizione

San Sebastian Film Festival

Anticipazioni sul programma


di Oriana Maerini


Quest'anno il Festival - che si svolgerÓ dal 21 al 30 settembre nella splendida cittÓ spagnola - renderÓ omaggio a quel genio del cinema che Ŕ Ernst Lubitsch grazie ad una ampia retrospettiva delle sue opere.

Il manifesto di questa 54 edizione prende ispirazione dal genere thriller e da un capolavoro della storia del cinema: The Lady from Shanghai diretto da Orson Welles nel 1947.
L'attrice Marisa Paredes ha offerto la sua immagine fotografa sa JosÚ Luis Lˇpez de ZubirÝa.

Le anticipazioni sul programma del festival riguardano le due retrospettive: quella a Lubitsch e quella sul fenomeno delle Migrazioni.

L'omaggio a Lubitsch:

Ernst Lubitsch (Berlin, 1892-Los Angeles, 1947) Ŕ uno dei pi¨ grandi registi della storia del cinema. Lui Ŕ inimitabile, elegante e ha divertito il pubblico in maniera intelligente tanto che il suo stile Ŕ stato denominato "The Lubitsch Touch."

Il festival di San Sebastian offre una visione completa delle sue opere fra le quali citiamo: Ninotchka (1939) con Greta Garbo,To Be Or Not To Be (1942). The Shop Around the Corner (1940) or Bluebeardĺs Eighth Wife (1938). Broken Lullaby (1932) Lady Windermereĺs Fan (1925) Die Austernprinzessin (1919).

La retrospettiva dedicata agli emigranti:

Oggi i movimenti migratori fall'Africa all'Europa hanno impresso un grande spunto creativo per la cinematogria, specie quella magrebina. Ma il festival prende in considerazione anche movimenti migratori da/per aree diverse: verso gli USA dall'europa o da altri regioni americane, dalla Cina al Brasile, dalla Svezia alla Norvegia, dal Portogallo e la Spagna verso gli altri paesi europei.

Ecco alcuni titoli che saranno presentati durante la kermesse spagnola: Gaijin Os Caminhos da Liberdade (Gaijin, Roads to Freedom), di Tizuka Yamasaki (Brazil, 1980); Sa´d, by Llorenš Soler (Spain, 1999); Alambrista!, di Robert Young (USA, 1977); Joe Hill, di Bo Widerberg (Sweden,1971); O salto, di Christian de Chalonge (France, 1968); Pelle Erobreren (Pelle the Conquerer), di Bille August (Denmark, 1987); Espaldas mojadas, by Alejandro Galindo (Mexico, 1955); L┤Horizon perdu, di La´la Marrakchi (Morocco, 2000); Utvandrama (The Emigrants) and Nybyggarna (The New Land), di Jan Troell (Sweden, 1971); America America, di Elia Kazan (USA, 1963); Bwana, di Imanol Uribe (Spain, 1996); In This World, by Michael Winterbottom (UK, 2002); Las cartas de Alou, di Montxo Armendßriz (Spain, 1990); Desembarcos, di Jeannine Meerapfel (Argentina, 1989)



A 100 anni dalla nascita di Greta Garbo
Omaggio alla "Divina"
Studio Universal la celebra con un film.
Ninotchka, il primo film dove interpreta un ruolo brillante



(Venerdý 12 Maggio 2006)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro