.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home CineGossip      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


YIN

Marco MŘller

Non si arrabbia con Veltroni ma aspetta lungo il fiume...


di Oriana Maerini


Questa volta non ho avuto nessun dubbio. Marco Muller incarna il perfetto direttore artistico YIN. La sua formazione (ha condotto studi di orientalismo e antropologia e si Ŕ specializzazione in Cina) di matrice orientale lo aiuta certamente molto in questa attitudine. Nessuno meglio di lui oggi, alla vigilia della sua terza fatica con la Mostra del Cinema di Venezia, poteva mettere in atto il famoso e saggio proverbio cinese - che Marco conosce, magari, anche nel suo idiona orginale visto che parla molto bene il mandarino - : "siediti sulla riva del fiume e aspetta di vedere passare il cadevere del tuo nemico".
Individuare il fiume ed il cadavere Ŕ altrettanto facile: si tratta del biondo Tevere e del corpulento Walter.
Alla presentazione del programma ai giornalisti, bramosi di poter scrivere resoconti infiammati da polemiche, Muller Ŕ stato serafico: "nessuna polemica con la kermesse romana. Quella Ŕ una festa, Venezia Ŕ, invece, un festival non festival perchŔ cerca di somigliare sempre di pi¨ alla Biennale..."
Insomma Marco ha filosofeggiato dimostrando una vera personalitÓ YIN. Non si Ŕ scomposto e non ha mandato anatemi contro il manager Veltroni che rischia di fare ombra sul leone del Lido. Era tranquillo, placido e non lasciava trasparire nessuna sfumatura d'ira.
Eppure la stessa stampa di sinistra (il Manifesto, Liberazione) ha preso posizione contro l'assurda concorrenza interna in un paese in cui il cinema si dovrebbe "farlo" pi¨ che "festeggiarlo".
Il presidente della regione Veneto Galan (lui invece Ŕ yanghissimo!) lancia accuse contro gli organizzatori veneziani rei di aver alzato bandiera bianca di fronte al nemico e di averlo addirittura ospitato in casa per la presentazione del suo festival!
Marco, invece, Ŕ come un monaco buddista (non trovate che ne abbia anche le phisique du role?) non si Ŕ scomposto e non ha mosso un dito per proteggere la sua creatura.
Si Ŕ solo seduto, paziente su una delle sponde del Lido ad aspettare l'eventuale cadavere galleggiante....




YANG
Walter Veltroni
Notti bianche all'Ostiense



(Lunedý 14 Agosto 2006)


Home CineGossip      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro