.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Il nuovo film di Roberto And˛

Viaggio segreto

Sentimenti morbosi per un film prevedibile


di Oriana Maerini


Presentato come evento speciale alla Festa di Roma, Viaggio segreto, il nuovo film di Roberto And˛ trasporta dalla fredda Irlanda alla passionale sicilia la storia descritta nel romanzo Ricostruzioni di Josephine Hart.
La vicenda Ŕ intrigante perchŔ propone la "ricostruzione" di un fatto criminoso (l'uccisione di una donna per mano del marito) in parallelo con l'introspezione psicologica dei personaggi che hanno vissuto e subito l'evento. Si tratta di due fratelli che hanno un legame molto forte tra loro: Leo Ferri (Alessio Boni), un algido psicoanalista quarantenne, e Ale (Valeria Solarino), una giovane modella che vuole diventare attrice. Le loro vite costudiscono un segreto rimosso e il viaggio di Leo nella Sicilia della sua infanzia servirÓ ad esorcizzare il passato. L'occasione per questo viaggio arriva improvvisamente quando la vecchia casa di famiglia viene messa in vendita. Il protagonista, attraverso la rivisitazione dei luoghi in cui si Ŕ consumato il delitto compirÓ un viaggio catartico che gli pemetterÓ di risanare le sue ferite e ricostruire la sua vita.

Nelle mani di un regista sapiente questa storia di sentimenti morbosi, di passioni struggenti e complessi edipici non risolti sarebbe diventato un film affascinante. And˛ ci regala, invece, una pellicola melensa (a partire dalla musica classica stucchevole all'inizio del film) e prevedibile che a tratti prende i toni della soap opera. Molto bravi tutti gli attori, anche se Alessio Boni nel ruolo del quarantenne complessato e gelido Ŕ un po' sopra le righe.



Il regista dichiara di aver voluto trasportare la storia in Sicilia per "ritrovare lĺatmosfera di incantamento e di perdita che si respira nella mia terra e il mio inappagato, struggente, desiderio di ritrovarne la dolcezza senza il furore terribile della distruzione."
Un desiderio leggittimo e personale che non Ŕ riuscito, per˛, ad impreziosire il film in modo significativo. Peccato perchŔ le premesse per un'opera compiuta c'erano tutte. Se solo si fosse dato meno spazio ad un'ostentazione eccessiva del sentimentalismo e una maggiore attenzione al ritmo filmico.
Curioso il cammeo del regista Emir Kusturica nel ruolo di Harold, un artista affermato che si innamora della bellissima Ale.



giudizio: *


Attore nel film "Viaggio segreto"
Emir Kusturica
Ma solo per il suo amico Roberto And˛



(Mercoledý 25 Ottobre 2006)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro