.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Il mondo del lavoro nel cinema di ieri e di oggi

TekFestival

Anticipazioni del film di Mimmo Calopresti sulla Thyssenkrupp


di red.


Roma. L´evento diapertura della 7/a edizione del Tekfestival che si svolgerà a Roma dal 6 maggio al cinema Farnese prevede la sonorizzazione dal vivo del film Sciopero di S. Ejzenstejn, realizzata dagli Yo YoMundi, storico gruppo di Acqui Terme. Il concerto aprirà la strada a una seriedi contributi filmici tra cui un montaggio di immagini d´archivio realizzatoper l´occasione dall´AAMOD, le anticipazioni del nuovo film di Mimmo Calopresti sulla ThyssenKrupp e una selezione di cortometraggi di giovani autori e autricia cura dell´Ucca (circoli cinematografici dell´Arci) sulla precarietà e gliimprobabili contratti che sono costretti a firmare.

Sciopero:

Martedi, 6 Maggio al Cinema Farnese, ore 19.00

Durante la realizzazione di Sciopero (1924), Ejzenstejn sperimenta alcuni meccanismi narrativi di avanguardia come il "montaggiodelle attrazioni", basato sull´accostamento per analogia del fatto narrato (glioperai falcidiati dalla Polizia) ad un fatto diverso (un bue squartato almattatoio). Si tratta di qualcosa simile a quello che accade nella realtàcontemporanea, anche se questa è segnata non più dalla radicalità dello scontrobensì dal sacrificio umano alle logiche dello sviluppo e del profitto. Logicheche si avvitano all´esistenza di migliaia di persone come un´edera nel periodo massimo della sua fioritura. Migliaia di incidenti sul lavoro, 100 morti al mese (le stesse vittime che si registrano a Bagdad), migliaia di feriti e invalidi con stipendi da fame. Si esce di casa senza avere la certezza di tornarci, come se firmareun contratto di lavoro equivalga a firmare la propria condanna a morte o esserespediti al fronte di una guerra che non si desidera combattere. Cosa può fare un Festival di Cinema di fronte a tutto questo?

Poco o nulla.Se non offrire, al pari di tanti altri Festival nazionali e internazionali, i propri "spazi di visione" a film, documentari, cortometraggi che sempre piùnumerosi individuano nella precariertà e nel lavoro il soggetto della propria narrazione.

Info: www.tekfestival.it







(Lunedì 5 Maggio 2008)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro