.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Comicità demenziale targata Adam Sandler

Un week end da bamboccioni

Per chi riesce a sorridere con una certa comicità americana


di Mirko Lomuscio


Un weekend da bamboccioni è una commedia dalla risata facile con protagonista la star americana Adam Sandler (Zohan-Tutte le donne vengono al pettine). Insieme a lui ritroviamo vecchie conoscenze del suo cinema come Kevin James (Io vi dichiaro marito e…marito), Chris Rock (L’altra sporca ultima meta), David Spade (Gli scaldapanchina) e Rob Schneider (Deuce Bigalow:puttano in saldo). Il film narra la storia di cinque amici che, dopo trent’anni, si ritrovano al funerale del loro coach di basket. Riunitisi in una baita tutti insieme appassionatamente per un week end, chi con famiglia al seguito e chi no, il gruppo rivivrà con piacere quei giorni di felicità e allegria spensierata.


Dirige un esperto del settore come Dennis Dugan (Piccola peste) che, col suo solito cinema infantile mischiato alla variegata scelta di colori pastello, regala più di qualche risata allo spettatore privo d’aspettative. Un weekend da bamboccioni compie, infatti, il miracolo di rendere sopportabile il tipo di cinema che Sandler sfoggia ormai da tempo ma che, forse per eccesso di volgarità e di confusione, non è mai stato ben accetto oltre oceano.
Forse perchè in questa pellicola il comico deve dividere la scena con altri quattro attori dalle qualità comiche indubbie. Stupisce, inoltre, di come lo script, steso da Sandler stesso e Fred Wolf (Little Nicky), sia di livello superiore rispetto alle opere precedenti ed eviti alcune facilonerie narrative puntando verso esiti più originali con tanto di contorno morale inevitabile e fin troppo facile.
Un weekend da bamboccioni è un film che potrebbe far la gioia di palati poco esigenti e fa sorridere per l’innocua idiozia pulsante che c’è di fotogramma in fotogramma.
Tra le altre apparizioni, oltre alle due bellezze di turno (qui però in ruoli materni) Salma Hayek) e Maria Bello, va segnalata la buffa presenza di Steve Buscemi, anch’egli un'immancabile presenza nel cinema di Adam Sandler.

giudizio: * *



(Lunedì 4 Ottobre 2010)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro