.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Teatro, cinema e innovazione a Graz

“Kunsthaus” in… Mo(n)stra

Colonia-Napoli-Graz: l’asse dell’arte contemporanea


di red.


L’unione fa la forza, dice un vecchio proverbio, che pare funzioni anche nel mondo dell’arte. E a livello internazionale. La Kunsthaus di Graz, il museo d’arte contemporanea firmato dal geniale duo di architetti inglesi Peter Cook e Colin Fournier, ha avviato un progetto di collaborazione con il Madre- il Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina di Napoli- e con il Museum Ludwig di Colonia. Un progetto di collaborazione importante, coinvolgente, interessante. Dedicato a Franz West. Auteatro, Colonia-Napoli-Graz, è il titolo della mostra che fino al 9 Gennaio si terra a Graz nello Spazio 01 della Kunsthaus. Un’esposizione che è la prima grande retrospettiva dedicata a questo scultore viennese contemporaneo.

Il titolo “Autoteatro”, sottolinea la dimensione interattiva della sua opera. La possibilità di interagire con l’arte è un motivo fisso delle creazioni di West, un motivo che fa da filo conduttore all’intera mostra. I visitatori, infatti, vengono continuamente invitati a utilizzare gli oggetti d’arte, a fondersi con le opere esposte, per diventare essi stessi mostra. Anche perché i Pass-stücke, le sculture portatili, sono, secondo la concezione di West, “sculture da prendere in mano per gesticolare come si vuole”. Il dialogo tra autore e spettatore non si limita alle sculture portatili ma prosegue anche con i mobili scultura, prodotti sin dagli anni Ottanta. Mobili che hanno reso davvero permeabile il confine tra arte figurativa e arte applicata. Negli anni Novanta, poi, West ha iniziato una serie di grandi collaborazioni. Tra tutte le più famose sono quelle con Michelangelo Pistoletto (Specchio con cabina e Pass-stücke) e Heimo Zobernig (Auto Sex). West continua a variare l’impiego di mezzi e tecniche, ribadendo la sua poliedricità, proponendo uno sguardo attuale sull’opera, tra oggetto funzionale e scultura artistica, facendogli conquistare originalità e ironia.

Collaborazione internazionale, austro-svizzera, anche per la seconda mostra in programma alla Kunsthaus. In collaborazione con il Museum Tinguely di Basilea, nello Spazio 02 è ospitata “Robot Dreams”, un viaggio che si addentra nella dimensione dell’intelligenza artificiale, affrontando le implicazioni politiche, sociali ed artistiche delle nuove fantasie suscitate dall’ingresso di questi “assistenti” dell’uomo nella nostra vita. Non per niente la ventina di artisti ospitati provenienti da varie parti del mondo, hanno preso in “prestito” l’effige di Metropolis di Fritz Lang, il robot antelitteram di tutta l’arte visiva contemporanea. Infatti essi pongono l’attenzione sull’interazione tra uomo e macchina, sulle ricadute che le più recenti scoperte sul settore dell’intelligenza artificiale hanno sulla percezione del comportamento umano e sull’impiego dei robot nella vita quotidiana. Ciò che oggi sembra ancora un’utopia, e magari genera paure, può già domani ritrovarsi tra i comuni elettrodomestici: frigoriferi che comunicano con l’utente, aspirapolveri autopilotati e controlli intelligenti per sedili dell’auto sono già una realtà come, del resto, i nano robot in campo medico. Entrambe le mostre sono aperte dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18. Il costo del biglietto è di 7€..


Info mostra
Kunsthaus – Lendkai 1, Graz. Tel 0043-316-80179200



(Mercoledì 20 Ottobre 2010)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro