.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Passione e declino di un amor fou

SingolaritÓ di una ragazza bionda

Pacata riflessione sui sentimenti


di Roberto Leggio


Un ragazzo di bell'aspetto apre la finestra e di fronte vede una bellissima ragazza bionda che sventola un ventaglio cinese. Lui Ŕ un po' impacciato, impiegato come contabile nel negozio di stoffe dello zio, sa che quella Ŕ la donna della sua vita. Per lei si espone, rischia, mette a repentaglio la carriera lavorativa lasciando un impiego sicuro imbarcandosi in sfortunati affari finanziari. Il matrimonio sfuma prima ancora di cominciare, ma lui la vuole a tutti i costi. Riprende il suo lavoro da impiegato e quando i due si decidono di varcare le vetrine di una gioielleria, tutta la veritÓ su di lei verrÓ a galla ed i sentimenti tanto agognati svaniscono improvvisamente.


A cento due anni, Manoel del Oliveria, dirige un film afasico, lento, chiuso in immagini fisse, quasi a spiegare che il mondo esterno per i due protagonisti non esiste affatto. Lo scopo del maestro portoghese Ŕ quello di mostrare l'irrilevanza degli sforzi nei confronti di un amore, da una parte corrisposto, ma dall'altra totalmente misterioso. La bionda nel film parla poco, mostra le sue labbra carnose, i suoi movimenti morbidi, il suo ventaglio, come se si muovesse in un quadro d'altri tempi. Ed Ŕ proprio questo mistero che accompagna la vicenda a mostrare tutta la fragilitÓ dei rapporti amorosi, completamente a se stanti, teneri, ironici e fondamentalmente amari. L'innamorato, da parte sua, tende a capovolgere una vita piatta e senza stimoli, riuscendoci in parte, maturando solo nell'ultima immagine. Un modo per dire che da lý in poi il destino Ŕ crudele e non risparmia gli audaci. De Olivera gira il tutto con una pacatezza infinita, sfidando la curiositÓ dello spettatore mettendo in chiaro che la vita in superficie Ŕ un lungo fiume tranquillo, ma tra le pieghe del tempo e dello spazio (il film Ŕ raccontato in flashback su di un treno in corsa) la velocitÓ in cui tutto si consuma Ŕ inversamente proporzionale alla lentezza degli giorni che passano.

Giudizio **

E' l' "agua ardiente" l'elisir del maestro portoghese
Il segreto della longevitÓ di De Oliveira

Bella toujours



(Giovedý 1 Settembre 2011)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro