.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Per centenario della sciagura torna il sala il film campione d'incassi

Titanic 3D

Nonostante un 3D ininfuente rimane un capolavoro da rivedere


di Roberto Leggio


Nel centenario del naufragio più famoso della storia, il film campione d’incassi e undici premi Oscar torna in sala con il pretesto del 3D. Ma non aspettatevi nulla di staordinario dagli occhiali neri della tridemensionalità: non c'è alcuna scena sensazionale amplificata dalla tecnologia. Neppure nelle sequenze dell'affondamento e del naufragio. Eppure consigliamo a tutti di approfittare di questa nuova edizione per correre a rivedere sul grande schermo un film indimenticabile. La storia la sappiamo, l’inaffondabile transatlantico va a sbattere contro un iceberg e cola a picco al largo di Terranova, inghiottendo più di mille e cinquecento persone, la maggior parte poveracci di terza classe. Il film di James Cameron, partendo dalla ricerca di una collana di diamanti che dovrebbe trovarsi ancora nella pancia del relitto, ci porta sulla nave dei “sogni” raccontando la storia d’amore tra il proletario Jack e l’aristocratica Rose, nel loro viaggio della “morte” tra le acque gelide dell’Atlantico. Costruendo una verità fittizia, il regista rievoca la smania del potere, gli errori tecnici, le responsabilità umane, la viltà di alcuni ed il coraggio di altri e soprattutto la differenza tra classi sociali, dove gli ultimi sono destinati a soccombere in un incredibile “volontà” del destino.


Uno tra i film più amati di sempre (all’epoca della sua uscita ci furono scene di isteria tra il pubblico femminile che avrebbe voluto essere tra le braccia di Leonardo DiCaprio mentre la nave di inabissava), che venne visto più e più volte per la sua carica innegabilmente romantica. Opera dalle mille sfumature insieme: melodramma, catastrofico, epico e volutamente politico-sociale, resta ancora adesso un capolavoro di tecnica che ha saputo raccontare in maniera metacinematografica una delle tragedie marinaresche più famose della storia. La versione di oggi non è tanto dissimile a quella che venne distribuita nei primi dell’anno del 1998, tranne per un’estensione di quattro minuti (con qualche nudo in più di Kate Winslet ed il finale già conosciuto in DVD) e la sua conversione ininfluente in 3D per rivivere in prima persona l’amore tra due giovani e la morte della nave delle “meraviglie”.

Giudizio: ****


In lingua orgingina al cinema Savoy di Roma
Titanic 3D
Un'opportunità per ascoltare le vere voci dei protagonisti



(Mercoledì 4 Aprile 2012)


Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro