.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


L'ultima fatica di Carlo Vanzina e una divertente commedia corale

Buona giornata!

Quando la leggerezza è un pregio..


di Mirko Lomuscio


Con Buona giornata! il regista Carlo Vanzina (Sapore di mare) torna dietro la macchina da presa con un prodotto fatto di storie, che si intrecciano nell’arco di 24 ore. Protagonisti sono: un conte decaduto (Christian De Sica), che vedrà la sua antica casa invasa da una troupe televisiva; un milanese trapiantato in Puglia (Diego Abatantuono), rappresentante di prodotti di domotica e con il problema dei problemi di famiglia sul groppone; un evasore fiscale (Maurizio Mattioli) alle prese con la finanza; una manager di Milano (Teresa Mannino) che si ritroverà smarrita perchè perde la borsa e quindi l'oggetto che la fa sentire se stessa (il telefono cellulare); un politico poco pulito (Lino Banfi) che dovrà fare i conti con l’elezione a Senato di una legge che gli rema contro; uno scaramantico toscano (Paolo Conticini) tifoso sfegatato della Fiorentina, che con l’aiuto della sua ragazza (Chiara Francini) dovrà far sì che la sua squadra vinca allo stadio; un notaio napoletano (Vincenzo Salemme) che si mette nei guai con sua moglie (Tosca D’Aquino) per colpa di una giovane escort straniera.
Tutto un giro di vite che, dal nord verso sud, cercano di fare il punto su vizi e difetti dell’Italia e degli italiani.



Vanzinasi sa non sa non è mai stato un regista amata da una certa critica a causa della volgarità (che non sempre è stata presente a dire il vero) dei film. Oggi, invece, lo si accusa del senso di leggerezza totale nel raccontare le cose, come ad avvicinarsi troppo ad certa una frivolezza narrativa che rende le sue storie troppo superficiali.
Eppure, proprio su questo difetto (?) di base il noto regista si è sbizzarrito realizzando Buona giornata!, una commedia che guarda all'eredità stilistica lasciata dal padre Steno con fare spensierato e col solo pretesto di voler divertire la gente in sala, sfornando trame e personaggi singolari, senza eccessivi manierismi, proprio come solo una volta si sapeva fare.
Difatti mette più malinconia che gioia quel conte decaduto interpretato da De Sica (Vacanze di Natale a Cortina), come anche l’interpretazione di Banfi (L’allenatore nel pallone), memore dei suoi fasti cinematografici anni ’70/80, o la prova di un superlativo Mattioli (Un’estate ai Caraibi) alle prese con un ruolo che molto deve alle performance di Mario Carotenuto. Il resto delle storie vacillano tra la farsa napoletana, ovviamente il segmento legato a Salemme (Olè), e l’attualità spicciola, il non disprezzabile episodio della Mannino (A Natale mi sposo), mentre di più esile impatto la storia di Abatantuono (Eccezzziunale…veramente), scritta dall’attore stesso assieme a Giovanni Bognetti, e quella, abbastanza inutile, dell’accoppiata Conticini (Natale a Beverly Hills) Francini (Maschi contro femmine).
Su queste basi il film va visto con la giusta aspettativa, preso per quel che è ovvero un prodotto facile da vedere senza il pregiudizio di molti che ritengono la faciloneria di fondo più un difetto che un pregio.

giudizio: **



(Mercoledì 4 Aprile 2012)


Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro