.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Storia d'amore melensa tratta da un romanzo di Nicholas Sparks

Ho cercato il tuo nome

Dirige il premio oscar Scott Hicks


di Oriana Maerini


Tratto dal romanzo "The Lucky One" di Nicholas Sparks (è il settimo adattamento cinematografico dello scrittore statunitense) Ho cercato il tuo nome è una storia d'amore melensa che può fare la gioia del pubblico che ama il genere romantico- strappalacrime. Il film narra la vicenda di Logan Thibault (Zac Efron) che, dopo aver trovato per caso la foto di una ragazza nel campo di battaglia in Iraq, riesce a scampare più volte miracolosamente alla morte. Tornato a casa decide di sdebitarsi andando a cercare la misterosa ragazza dai capelli biondi ritratta nella foto. Parte a piedi dal Colorado e raggiunge Elizabeth (Taylor Schilling) , una donna divorziata che gestisce insieme alla nonna ed al figlio una pensione per cani. Logan non rivela il vero motivo per il quale si è recato da lei e si fa assumere. Sboccierà una storia d'amore contrastata dall'ex marito geloso.



Partendo da questa trama non ci si poteva aspettare molto anche se dietro la macchina da presa c'è un regista come Scott Hicks che si è meritato l'oscar per Shine. Ma i muscoli e il viso di
di Zac Efron (High School Musical, 17 again: Ritorno al liceo), idolo delle adolescenti, uniti ad un contesto corale in cui anche i personaggi minori sono ben tratteggiati (la nonna saggia e un po' ruffiana interpretata da Blythe Danner e l'ex marito rancoroso e insulso che ha le sembianze di Jay R. Ferguson) rendono questa storia romantica di amore puro e contrastato accettabile anche ai palati più esigenti, a patto che si ami il genere melassa. Il tutto è ambientato in un paesaggio bucolico e campestre fra laghetti, prati verdi ed un fattoria modello che aiuta a rilassare ancor di più la visione.
Ottimo film di intrattenimento per sognare un principe azzurro bello e tuttofare che si trasforma in una amante focoso e gentile.
Si può chiedere di più da una commedia sentimentale?

giudizio: **



(Martedì 24 Aprile 2012)


Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro