.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Il manifesto di Roberto And˛ contro la mala-poltica

Viva la libertÓ

Commedia agro dolce sull'Italia di oggi


di Oriana Maerini


Ricordate la frase tormentone di Nanni Moretti in Aprile quando incitava D'Alema a dire qualcosa di sinistra? Roberto And˛ ha costruito un film su questo tema: Viva la libertÓ Ŕ un manifesto contro l'immobilismo del partito di opposizione. Lo fa per˛ in modo leggero con una commedia agro-dolce che fa riflettere gli spettatori a pochi giorni dalle elezioni. Una pellicola cinematograficamente parlando ben costruita, con un'ottima sceneggiatura e una recitazione degli attori impeccabile. Il film, tratto dal suo romanzo ĹIl trono vuotoĺ, vincitore del Premio Campiello Opera Prima 2012, Ŕ adattato dallo stesso regista in collaborazione con Angelo Pasquini. La vicenda gira intorno alla fuga di Roberto Olivieri (Toni Servillo), il segretario del partito di opposizione che, in piena crisi di consenso, decide di sparire dalla scena politica. Il suo assistente (Valerio Mastandrea), preso dal panico invita il fratello gemello che ha problemi mentali a sostituirlo finchŔ il politico non rientrerÓ in scena. Il pazzo dice cose chiare, oneste e di sinistra conquistando il successo delle piazze. Un miracolo che pochi riescono a spiegare ma che fa riconquistare consensi all'opposizione.



Toni Servillo si mette al servizio della causa regalando un' interpretazione sbalordiitiva nel un doppio ruolo di due gemelli agli antipodi che fin da piccoli hanno giocato a scambiarsi i ruoli. Il film Ŕ tutto sulle sue spalle e lo scambio risulta credibile, divertente e incoraggiante per il pubblico. Viva la libertÓ Ŕ un film che riconcilia gli italiani con la speranza, nell'attesa di un "pazzo" che in politica possa dire la veritÓ, agire per il bene del paese e magari recitare poesie ai comizi.
Ma se il lavoro di Servillo vale da solo il costo del biglietto, bisogna anche dire che And˛ Ŕ riuscito a tratteggiare bene anche i personaggi di contorno come quello interpretato dai Valeria Bruni-Tedeschi: una donna felicemente sposata ad regista di successo che riscopre il sentimento per un amore passato ma mai dimenticato.
Viva la libertÓ rappresenta un elemento nuovo nel cinema italiano: una commedia densa di significato politico che unisce la leggerezza con la cifra autoriale. La visione Ŕ vivamente consigliata a tutti i politici a prescindere dalla fede politica: oggi l'Italia del baratro aspetta la rinascita attraverso l'onestÓ della pazzia!

giudizio: ****



(Mercoledý 13 Febbraio 2013)


Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro