.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Eventi      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Giornata d'onore nella sala del Centro Sperimentale di Cinematografia

Personale di Roberto di Vito al cinema Trevi di Roma

Giovedì 2 maggio, a partire dalle ore 19



Roberto Di Vito, un regista sui generis

Giovedì 2 maggio al Cinema Trevi (Vicolo del Puttarello, 25 -
Fontana di Trevi ) - Ingresso libero.

Rassegna e giornata dedicata ai cortometraggi e film di Roberto Di Vito, curata da Domenico Monetti in occasione uscita dvd del film "Bianco". Con incontro e dibattito alle 21 sulla autoproduzione.

Assistente alle riprese per due film di Nanni Moretti (Bianca e La messa è finita).
Segretario di edizione del film La setta di Michele Soavi.
Regista, operatore e montatore video di backstage di importanti spot pubblicitari, tra i quali tre per la Banca di Roma diretti da Federico Fellini.
Lavora sui set di Phenomena, Opera e Due occhi diabolici di Dario Argento.
Esordisce ufficialmente alla fine degli anni Ottanta con un cortometraggio thriller "La notte del giudizio", anche se Roberto Di Vito ha cominciato a quindici anni girando una quarantina di cortometraggi in super8, alcuni di questi devono molto all’estetica autarchica del primo Nanni Moretti.
Ma è con "Sole" (1994), vincitore del premio del pubblico al Festival di Capalbio 1995, che si delinea una cifra autoriale più precisa: «Questa volta si tratta di un thriller esistenziale, psicologico, in cui la paura si alimenta di se stessa» spiega Di Vito. «La protagonista si lascia prendere dall’angoscia in una situazione di assoluta normalità. La casa, da rifugio ovattato, da "casa dolce casa", si trasforma a poco a poco in un luogo ostile, pieno di rumori e presenze inquietanti. Sono stati d’animo che riguardano ognuno di noi, anche in età adulta. Quante volte, di notte, ci svegliamo improvvisamente con la sensazione che qualcuno sia entrato nella nostra camera da letto?».

Ma se qualcuno ha voluto etichettare l’allora trentatreenne come uno dei nuovi cineasti horror, si è sbagliato di grosso. A Di Vito interessano gli spazi, i luoghi, gli stessi corpi attoriali che tendono all’astrazione. «Astrazione non vuol dire però sperimentazione estraniante, concettuale e noiosa. Io punto all’opposto, vorrei commuovere, emozionare e far sognare non partendo solo dalla storia o da quello che si dice ma anche da quello che non si dice. Da questo punto di vista, l’ambizione espressiva è alta: arrivare al cinema "commerciabile" ma puro, senza un grande intreccio narrativo».

Il cortometraggio successivo, forse il capolavoro del regista, "Ai confini della città", è un amaro apologo di una civiltà e di più generazioni allo sbando, all’interno di una Roma inedita, completamente svuotata, pronta alla desertificazione, molto vicina ai paesaggi apocalittici di Ciprì e Maresco.
Vincitore di svariati premi, tra i quali il Globo d’Oro nel 1998, segna anche il passaggio verso un approfondimento di tematiche sempre più personali: l’attenzione verso gli ultimi, condito da un realismo magico ambientato in luoghi mai banali, dal corto comico, interpretato da Stefano Masciarelli, "Il parco" (2000), all’astratto "Righe" (2001) e all’intenso "L’angelo" (2004).

Per arrivare poi all’agognato esordio al lungometraggio "Bianco", rielaborazione dell’omonimo cortometraggio del 2001, summa del cinema corto del regista con echi polanskiani e antonioniani.
Dopo aver partecipato al Fantafestival e Bari International Film Festival 2011, arriva finalmente in dvd, distribuito da CG Home Video.
«Non è facile imbattersi nel panorama asfittico delle opere prime, molte delle quali terribilmente omologate, in un film come quello di Roberto Di Vito, così attento ai valori plastici e figurativi della composizione, della messa in quadro geometrica e rigorosa di ossessioni visive ed esistenziali, tali da renderlo, al di là del pretesto narrativo, particolarmente adatto ad esplorare i territori del fantastico, da decenni assai poco proficuamente praticati nel cinema italiano» (Anton Giulio Mancino).

ore 17.00 Opera di Dario Argento (1987, 106’)

Dalle ore 19.00 Ingresso Libero.
Corti e mediometraggi di Roberto Di Vito

19 La notte del giudizio (1989, 16min) Thriller
19:15 Sole (1994, 14 min. 35mm) Thriller Premio di qualità del ministero
19:30 Ai confini della città (1998, 34 min. 35mm) Globo D'oro 98 come miglio corto italiano.
20:05 Il parco (2000, 18’) con Stefano Masciarelli
20:25 Righe (2001, 6 min. ) Premio a Montecatini, Huesca,
20: 35 Bianco (2001, corto di 2 min.)
20:40 L’angelo (2004, 14 min. ) Art.8 Interesse culturale, Premio al Sonar Film Festival e al Festival di Tellaro.

Alle ore 21.00 dopo il corto c'è l' incontro e dibattito con il regista
Roberto Di Vito
Nel corso dell’incontro verranno proiettati alcuni cortometraggi in super 8 del regista
a seguire Frammenti del film Bianco di Roberto Di Vito (2011, 10min. )
Servizio TV a Rai News 24






Premiati i vincitori del concorso di Very Victoria su MTV
Cineserie Dance
Il filmaker Roberto di Vito vince il Telecavallo rosa di peluche
La nuova sigla del fortunato programma di MTV?

Il filmaker romano Roberto Di Vito vince con "Un sogno possibile"
Concorso "Aperol Soda Spot Award"
Dopo cortometraggi, documentari e back stage realizza uno spot



(Mercoledì 1 Maggio 2013)


Home Eventi      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro