.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Eventi      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Nella mostra collettiva"Thana libera tutti" ovvero della Pulsione

Esposti i quadri del pittore Franco Di Vito

Presso l'Università eCampus a Roma


di red.


Roma. Nella elegante sede dell'Università Telematica eCampus in via del Tritone n° 169 - è stata allestita la mostra collettiva Thana libera tutti-ovvero della pulsione. Fra le opere esposte segnaliamo quelle del pittore romano Franco Di Vito. Riportiamo di seguito la scheda dell'artista tratta dall'opera del critico d'arte Guido Montana nel saggio "Come leggere il valore":

Franco Di Vito (1927) è stato un pittore della scuderia della galleria L' Obelisco (tra le più importanti del dopoguerra) dove ha esposto quadri figurativi in collettive con pittori come: De Chirico, Carrà e Sironi. Ha fondato e si è impegnato con il gruppo "Operativo R" (Pizzo, Di Luciano, Carchietti, Rulli,) nelle ricerche ghestaltiche degli anni 60, (Un periodo di pittura astratta con l'invenzione delle "strisce" con modulazioni di frequenza) In questo periodo fu chiamato da Giulio Carlo Argan per varie collettive tra cui la famosa Biennale di San Marino in cui esponevano tutti i più grandi pittori strutturalisti del mondo.
Ebbe poi un ripensamento totale lasciando il campo della metodologia razionale.


Alla fine di quel decennio la sua opera si era evoluta in una scelta radicalmente diversa. Con la serie delle "teste" l'artista si apriva ad un neo espressionismo visionario in cui l'umanità era tradotta in fantasma cromatico
La tecnica si basava su microcampiture e strati di colore, che divenivano fisionomie bidimensionali, "mostruosità" grottesche. Negli anni successivi Franco Di Vito ha sublimato la tecnica del "frammento" con cui ricostruisce in minuti tratti di pennello, figure e paesaggi fantastici. Nella sua irrealtà questa pitture assume l'aspetto di una verità alternativa. L'artista riproduce l'immaginario frantumando la visione logica usuale.



Non c'è analogia spettacolare, ma semplice ritmo pittorico del procedere per il quale ogni cosa viene a situarsi in una sorta di spettrale magia della figurazione. Per esempio una barca, una casa indescrivibile, si ricompongono da mille frammenti di colore. Una montagna non è situabile in una natura rassicurante, ma è solo un supporto granitico su cui va a manifestarsi la solitudine dell'uomo. Il quale quasi tocca il cielo e sogna l'impossibile eventualità.
Fu anche chiamato dal suo amico Paolo Portoghesi a realizzare tavole di polistirolo espanso basate su concetti matematici ed esposte al Palazzo delle Esposizioni a Roma in occasione della mostra su Michelangelo.
Nel panorama dell'attuale pittura l'opera di quest'artista si pone come momento di discontinuità di più prevedibili indirizzi artistici.
Ma sbaglierebbe chi attribuisse a Di Vito una specie di connotazione naive. E', al contrario, intricato negli interessi filosofici, con particolari predilezioni esoteriche e per il pensiero zen. Di questo è permeato il senso medesimo del suo lavoro, laddove l'insistenza rivelatrice del fare ha le capacità di tramutare il dato naturalistico in forme inconsuete ed epifanie di figurazione.




Biografia dell'artista:

Franco Di Vito nasce a Roma il 21- 07 – 1927
Negli anni - 1952 - 1953 - 1954 - ha esposto presso la galleria
“ L’ Obelisco”, insieme a Carrà. Sironi, De Chirico ed altri.
1954 – Personale alla galleria “Fontanella”.
1955 – Premio di pittura “Esso” (Venezia), sotto il patrocinio della
Biennale di Venezia.
1955 - Personale presso la galleria “Alibert”.
1956 - Personale presso la galleria “La Finestra”.
1957 – “Gruppo 56”(pittura figurativa). Galleria “La Finestra”.
1958 - Seconda Mostra Nazionale – Palazzo Strozzi – Firenze.
sotto l’egida del “Taccuino delle arti”.
1958 – E’ stato inserito nell’asta dipindi della galleria “La Selecta” diretta
da Cardazzo.
1961 – 62 - E’ invitato da C.G. Argan alla Biennale di San Marino. Fonda
il gruppo operativo R. (Realizza una pittura astratta che esprime una innovativa ricerca sul rapporto linea-colore-misura basata sulla modulazione di frequenza.
Nasce sotto l’influenza delle teorizzazioni del “neopositivismo logico” e della “Gestalt”).
1964 – Premio Termoli.
1965 – Partecipa alla “VII Quadriennale” d’arte.
(1975) – “Palazzo delle Esposizioni” di Roma. E’ chiamato da Paolo
Portoghesi per l’istallazione di pannelli di polisterolo espanso, disposti
secondo modulazioni variate di frequenza, nell’ambito del centenario
Michelangiolesco.
1986 - Partecipa al premio “ Vasto”. (Organizzato dal critico G.Montana).
1986 - Partecipa al premio internazionale d’arte di “Gennazzano”.
1989 – Partecipa alla mostra presso il centro “Di Sarro”.
1996 – Personale “all’Ariete”.
1998 - Partecipa alla mostra presso il “Monogramma”: “Astrattismo negli
anni 60 a Roma”. Sotto l’egida di G. Montana.
Dal 1984 al 2003 è dedito dipingere Icone raffiguranti Santi del 2° e 3°
secolo dopo Cristo, (Eremiti).Tale pittura figurativa si propone l’intento di avere valore di tipo propiziatorio


Thana libera tutti-ovvero della pulsione.
dell'Università Telematica eCampus in via del Tritone n° 169 -
Orario da Lun a Ven 9 - 20 Sab 9 - 13 Dom. chiuso



(Giovedì 5 Dicembre 2013)


Home Eventi      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro