.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Festival      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


“Almas lejanas/Almas de distância” Rassegna di Video Arte latinoamericana

“Nuovissimo” Rassegna sul Cinema Latinoamericano Contemporaneo

1 febbraio – 6 aprile 2014 Tenuta Dello Scompiglio Vorno, Lucca


di red.


Uno sguardo non convenzionale sull’universo latinoamericano contemporaneo attraverso una doppia rassegna di Cinema - “Nuovissimo”- e Video Arte -“Almas lejanas/Almas de distância”-, viene proposto dall’1 febbraio al 6 aprile, nello SPE – Spazio Performatico ed Espositivo della Tenuta Dello Scompiglio di Vorno (Lucca) dalla omonima Associazione Culturale, diretta dalla performer e regista Cecilia Bertoni.
In programma appuntamenti ogni fine settimana per il cinema e dal giovedì alla domenica per la video arte.

“Nuovissimo”, rassegna sul cinema latinoamericano contemporaneo a cura di José Gatti e Suzy Capó, propone 8 appuntamenti con la proiezione di16 lungometraggi provenienti di dieci Paesi dell'America Latina (Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Cuba, Guatemala, Messico, Paraguay, Perù, Venezuela) presentati il sabato alle ore 18.00 e alle ore 21.00 e replicati, a pellicole alternate, la domenica alle ore 16.00 e alle ore 19.00.
La domenica, nell’intervallo fra i due film, sono inoltre previsti incontri e osservatori critici alla presenza dei curatori e di esperti.

“Oggi – sottolinea José Gatti,uno dei curatori - assistiamo a un vero e proprio boom di film provenienti dall’America Latina con nuovi registi alla ribalta nei festival internazionali; film che ottengono incassi elevati, autori che fanno notizia per la loro celebrità. Ma la cosa forse più sorprendente rispetto al riconoscimento internazionale è come il cinema latinoamericano sia riuscito a (ri)conquistare il pubblico nazionale, che dagli anni Ottanta si sottraeva ai film ‘di casa’. Che cosa è successo? Che cosa si è modificato nello scenario latinoamericano? I cambiamenti sono forse dovuti alla crescita economica (in parte effettiva, in parte esagerata) di cui hanno goduto i paesi dell’America Latina negli ultimi dieci anni? O piuttosto sono attribuibili al progresso tecnologico, che ha reso più accessibili e meno costosi i processi legati alla produzione cinematografica? Per non parlare delle nuove leggi, che dovrebbero tutelare le produzioni locali e garantirne l’accesso al pubblico. Sarebbe sciocco cercare una risposta unica a queste ipotesi, ma attraverso questa rassegna cercheremo tuttavia di individuare alcune possibilità.”

“Almas lejanas /Almas de distância”

E' una rassegna di Video Arte a cura di Fabrizio Pizzuto e Angel Moya Garcia che offre uno sguardo inedito, per prospettive, intenti e logiche narrative, sul panorama culturale latinoamericano contemporaneo, attraverso la proiezione, ogni settimana dal giovedì alla domenica dalle ore 14.00, di minipersonali di alcuni dei videoartisti più rappresentativi, insieme a una selezione di festival e rassegne fondate sullo sguardo latinoamericano.
“A partire dal lavoro ‘Beloved’, incentrato sulle radici, di Cesar Meneghetti – spiegano i curatori Fabrizio Pizzuto e Angel Moya Garcia - si sviluppa un percorso sullo sguardo latinoamericano, attraverso una rassegna di videoarte che prevede un totale di 11 appuntamenti con la partecipazione di 6 artisti latinoamericani, alcuni dei quali residenti in Europa, e cinque realtà dedicate alla videoarte d’oltreoceano, con sede in Europa e in Sudamerica.
La rassegna ‘Almas lejanas/Almas de distância’ tuttavia non è incentrata sulla nostalgia ma sull'appartenenza. Il ragionamento video degli artisti e delle realtà selezionate è variegato e si occupa di mostrare una panoramica di diversi modi di fare immagine-video.
Lo spostamento crea spaesamento ma anche riposizionamento, cultura che si arricchisce, visione che indaga, sovrapposizione di culture visive. Si tratta di distanza intesa anche come oggettivazione, sguardo dell'anima. Qualcosa che si sente, che giunge dalla terra, dalle origini e si mescola alle conoscenze. Qualcosa che lascia una traccia, che talvolta si tende inconsapevolmente a rifiutare. Uno stato d’animo che non si può evitare, che segna irrimediabilmente chi siamo. Un richiamo-visione che si muta in percezione. Un'appartenenza.”


Lake Tahoe di Fernando Eimbcke _ Messico 2008



PROGRAMMA:

"Nuovissimo”
Rassegna sul Cinema Latinoamericano Contemporaneo

sabato 1 e domenica 2 febbraio:
O som ao redor / Neighboring Sounds (di Kleber Mendonça Filho, Brasile, 2012, 131']
Primo lungometraggio di Kleber Mendonça Filho racconta come il giungere di una milizia nella città brasiliana di Recife arrivi a cambiare la vita dei residenti, portando un senso di sicurezza e una buona dose di ansia. Premiato al São Paulo Film Festival, al Rio de Janeiro Film Festival , al Festival di Rotterdam, al Polonia Film Festival, al Copenhagen Film Festival e al Serbia Film Festival.

7 cajas / 7 boxes (di Juan Carlos Maneglia e Tana Schémbori, Paraguay, 2012, 100)
Ambientato nel Mercado n.4, una “città nella città” nel cuore di Asunción dove si comprano e si vendono cose, animali e perfino persone, il film è un thriller d’azione sull’avventura del diciassettenne Victor, che si trova a trasportare 7 scatole (cajas) dal contenuto sconosciuto, affrontando pericoli che non aveva previsto. La pellicola, record di incassi nei cinema paraguayani, è stata premiata al San Sebastian Film Festival, all’International Film Festival di Mar del Plata, al Fantastic Film International Festival di Porto Alegre e al Biarritz Film Festival.

sabato 8- domenica 9 febbraio
Estômago (di Marcos Jorge, Brasile/Italia, 2007, 100')
Primo lungometraggio di Marcos Jorge, Estômago, ispirato al racconto Presos pelo estomago, di Lusa Silvestre, è la storia del cuoco Raimundo Nonato, che in un mondo diviso tra il mangiare e l’essere mangiati trova una sua dimensione (e un modo di cavarsela) nel cucinare. Una “storia gastronomica” per adulti che tocca i temi del potere, del sesso e della cucina. L’opera è stata premiata al Rotterdam Film Festival e al Rio Film Festival.

La jaula de oro / La gabbia d’oro (di Diego Quemada-Diez, Guatemala/Spagna/Messico, 2013, 102']
Il film porta sullo schermo l’epopea dei migranti latinoamericani negli Stati Uniti attraverso la storia di tre adolescenti guatemaltechi, Juan, Sara e Samuel, che fuggono dal loro Paese inseguendo il sogno di una vita migliore ma avventurandosi loro malgrado in un viaggio pieno di insidie. Primo lungometraggio del regista Diego Quemada-Diez , La jaula de oro ha vinto al Festival de Cannes 2013 il premio A Certain Talent Prize della sezione “Un Certain Regard” e il Premio Gillo Pontecorvo ; è stato inoltre premiato al Festival Internazionale del cinema di Mar del Plata.



15-16 febbraio
No (Drammatico, Pablo Larraín, Cile/Messico, 2012, 118')
O ano em que meus pais saíram de férias (Drammatico, Cao Hamburger, Brasile, 2006, 110')

1-2 marzo
Una Noche (Drammatico, Lucy Mulloy, Cuba/USA/GB, 2012, 90')
El chico que miente (Drammatico, Marité Ugas, Venezuela, 2010, 100')

8-9 marzo
Saneamento Básico, o Filme (Commedia, Jorge Furtado, Brasile, 2007, 112')
Edificio Royal (Commedia, Iván Wild, Colombia/Venezuela, 2012, 90')

22-23 marzo
Lake Tahoe (Drammatico, Fernando Eimbcke, Mexico, 2008, 89')
Violeta se fué a los cielos (Drammatico, Andrés Wood, Cile/Argentina/Brasile, 2011, 110)

29-30 marzo
El abrazo partido (Commedia drammatica, Daniel Burman, Argentina, 2004, 99')
Contracorriente (Drammatico, Javier Fuentes-León, Perù, 2009, 100')

5-6 aprile
Un Cuento Chino (Commedia drammatica, Sebastián Borensztein, Argentina, 2011, 93')
Infancia clandestina (Drammatico, Benjamín Ávila, Argentina/Brasile, 2011, 112')



"Almas lejanas/Almas de distância”
Rassegna di Video Arte Latinoamericana
Proiezioni dal giovedì alla domenica, a partire dalle ore 14.00

1-2 febbraio
Cesar Meneghetti - Brasile

6-9 febbraio
Videoakt Bienal Internacional de Videoarte de Barcelona
Sezione latinoamericana a cura di Angie Bonino

13-16 febbraio
Angie Bonino - Perú

20-23 febbraio
Associazione Culturale Progetto LiminalB
Selezione a cura di Federica Matelli

27 febbraio-2 marzo
Bruno Antonio Menei Hurtado – Venezuela

6-9 marzo
Lakino, Festival di Video Arte Latinoamericana a Berlino - Selezione a cura di Martin Capatinta

13-16 marzo
Patricia Bentancur- Uruguay

20-23 marzo
InMediterraneum - Festival Internacional Simultáneo de Videoarte
Selezione a cura di Fabrizio Silvestre
27-30 marzo
Concept in progress - Argentina
Jesus Garces Lambert - Messico

3-6 aprile
Festival Videobabel Perù - Selezione a cura di Vera Tyuleneva

Info:

http://www.delloscompiglio.org



Coreografa, regista e performer che ha ideato la "Tenuta dello Scompiglio"
Cecilia Bertoni
Un luogo dove si vive un modo nuovo di fruizione della cultura



(Giovedì 30 Gennaio 2014)


Home Festival      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro