.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Film d’animazione senza pretese

Leo da Vinci - Operazione Monna Lisa

Alla scoperta di Leonardo da Vinci… ragazzino


di Roberto Leggio


Il giovanissimo Leo da Vinci è alle prese con le sue idee geniali, mentre la sua amica Lisa lo osserva stupida e affascinata, ma senza convinzione. Di ritorno da una gita al lago, dove Leo ha testato una nuova “strabiliante” invenzione; i due ragazzi hanno una brutta sorpresa. La casa di Lisa ha preso misteriosamente fuoco e uno stupido e ricco pretendente la vorrebbe come sposa. Leo però più salvare capra e cavoli ritrovando il favoloso tesoro di una nave inabissata. Ma per farlo dovrà affrontare un gruppo di pirati che sono sulle tracce dello stesso forziere. Il piccolo geniale inventore ha dalla sua una macchina volante e l’aiuto di amici coraggiosi.


Target da bambini al disotto dei 12 anni, Leo operazione Monna Lisa, prosegue nel tracciato del Gruppo Alcuni; animatori (ma non solo) veneti che si fecero le ossa con i cartoni animati de I Cuccioli conosciuti per lo più su Rai Yo Yo. Piacevole, leggero, divertente, con una sceneggiatura senza pretese, il nuovo film di Sergio Manfio (deus ex machina del Gruppo) sperimenta nuove animazioni. Meno legnoso dei canoni standard dei suoi lavori precedenti, impossibilitato dalla perfezione della Disney-Pixar e lontano anni luce delle storie di spessore di Miyazaki, l’opera di Manfio mette in scena il sogno di un ragazzo “geniale” che per lo più desidera volare. Non solo come un uccello, ma uscire dalle convenzioni in un mondo sospeso tra un “Rinascimento” in evoluzione (il suo amico Niccolò sa prevedere l’ora esatta di una eclissi totale di sole) che strizza l’occhio perfino a Peter Pan per la presenza di un pirata “picaresco” e non terribile come Capitan Uncino. Avventuroso quanto basta è un progetto per il cinema, ma pensato evidentemente per la televisione dei più piccoli, è impreziosito dalla presenza di un brano di Riki (Riccardo Marcuzio), cantante da 4 dischi di platino uscito dal talent “Amici”. Propulsore bi-univoco pre-adolescenziale.

Giudizio *1/2



(Domenica 7 Gennaio 2018)


Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro