.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Due madri opposte con un destino intrecciato.

Madres Paralelas

Oggi nelle sale l'ultimo film di Pedro Almodovar


di Oriana Maerini


Madres Paralelas, l'ultimo film di Pedro Almodovar, da oggi nelle sale italiane, conferma la sua cifra stilistica ma aggiunge un tassello nuovo al suo melodramma: alla drammaticitÓ dei rapporti si aggiunge la crudeltÓ della guerra civile spagnala. "Sono le madri irrisolte quelle che mi ispirano" afferma il maestro spagnolo. Donne complesse, abbandonate, contraddittorie alle quali ha prestato, quasi sempre, il volto la bravissima Penelope Cruz che quest'anno si Ŕ meritata la Coppa Volpi come miglior attrice a Venezia. La storia ruota intorno a tre donne, tre madri: Janis (Penelope Cruz), affermata fotografa di mezz'etÓ che Ŕ felice per la nascita di un figlio insperato, Ana (Milena Smit), ancora minorenne, fragile e spaventata dall'imminente maternitÓ e Teresa (Aitana SÓnchez Gijon), la madre di Ana priva di istinto materno.
Le due gestanti intrecciano le loro vite ed i loro destini in una sala parto. Sono parallele perchÚ entrambe sono single, diventate madri per caso, emozionate della nascita di due bambine che sono attenzionate dai medici dopo il parto.
Tra loro nasce una complicitÓ e Janis rivela a Ana che il padre della bambina Ŕ un archeologo che ha incontrato nella speranza di riportare alla luce i resti del suo bisnonno e altri uomini del suo paese, uccisi e gettati tutti in una fossa durante la guerra civile.

Penelope Cruz e Milena Smit in una scena del film



Madres Paralelas Ŕ un film sulla maternitÓ inaspettata che incrocia due destini uniti da un dramma insopportabile. Forse la migliore prova d'attrice della Cruz nel ruolo di donna straziata dal dilemma morale di dover rivelare la veritÓ che la porterÓ a rinunciare alla bambina che sta crescendo per rasserenare la sua coscienza. La pellicola avvicina due universi opposti: quello di una giovane ragazza non amata dalla madre che cerca ancora il suo posto nel mondo e quello di una donna matura, realizzata che combatte per far emergere l'orrore delle fosse comuni. Almodovar realizza un'opera con due piani narrativi che intrecciano la tragedia delle nuove vite e quella degli antenati. Il dramma privato si collega, con uno stile semplice ed efficace, alla politica, riesumando una delle pagine pi¨ nere della guerra civile spagnola.
Almodˇvar qui Ŕ maestro nella scelta del cast. Riafferma il talento di Penelope e ne scopre uno nuovo con l'attrice rivelazione Milena Smit, speculare, con la purezza di Ana, alla personalitÓ controversa ed, a tratti oscura, di Janis.
Madres Paralelas Ŕ un ennesimo, mirabile, affresco femminile che il regista spagnolo ci regala. Meno colorato e bizzarro dei precedenti, ma pi¨ intimo e sofferto. Segno di una maturitÓ artistica che riavvicina presente e passato. Privato e Politico.

giudizio: ***



(Giovedý 28 Ottobre 2021)


Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro