.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


E' morto ieri a 82 anni

Addio a Walerian Borowczyk

Scompare il regista dei film erotici d'autore


di red.


Si è spento, ieri, a Parigi, all'età di 82 anni il regista polacco Walerian Borowczyk, autore di film erotici di grande impatto come Goto, l'isola dell'amore, Blanche - un amore poribito, I racconti immorali, La bestia, Interno di un convento.
Walerian Borowczyk iniziò la usa carriera di cineasta a Varsavia durante gli anni Cinquanta realizzando cortometraggi sperimentali e cartoni animati prima di trasferirsi a Parigi (1959).
Qui continuò i suoi esperimenti di animazione, raffinando una tecnica di indagine della natura degli oggetti e dei loro rapporti (inconsciamente erotici) con l'uomo.
Gia nel suo primo lungometraggio, Goto, ile d'amour (1968), influenzato dal teatro dell'assurdo, rivela una spiccata predisposizione per i temi sadiani della crudeltà e per quelli della bestialità comuni a tanta narrativa polacca (Withiewicz, Gombrowicz). Con il suo stile barocco e il suo gusto estetico per i dettagli Borowczyk ha cercato di trovare un equilibrio fra la pornografia pura e l'opera d'arte.


Filmografia di Walerian Borowczyk

Goto, ile d'amour (1968)

Blanche (1971), ambientato in un medioevo ossessivo e ritualistico, approfondisce queste tematiche in senso erotico

Les Contes Immoraux (1974) si ispira direttamente alla narrativa libertina francese del 19700. L'erotismo come fenomeno ludico e rituale

Dzieje grzechu/ Storia di un Peccato (1979) rivisita un romanzo d'appendice con la stessa attenzione per le pulsioni e i dettagli

La Bete (1976) è un altro "racconto immorale" onirico e surreale che rivisita la fiaba della "bella e la bestia"

Le Marge (1976) si colloca ancor più chiaramente nella crisi esistenziale della borghesia contemporanea, presentando un uomo che cerca di dare uno scopo alla propria vita attraverso l'erotismo

Interno di un Convento (1978) ripete lo stesso tema dell'erotismo bestiale che scaturisce dalla repressione dei sensi

Lulù (1980), Wedekind, è l'inevitabile punto di arrivo dell'erotismo porno "fatale" i Borowcayk. Ma l'autore è ormai scivolato nella più corriva pornografia

Nel profondo del delirio (1981)

Ars amandi (1983)

Emmanuelle 5 (1986)

La regina della notte (1988)



(Lunedì 6 Febbraio 2006)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro