.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Un altro capolavoro di Spike Lee

Inside Man

Cast eccellente e grande prova di regia


di Oriana Maerini


Inside man vuol dire grande cinema firmato dal geniale Spike Lee. Dopo il poco apprezzato “She hate me” il regista afroamericano ci regala un'altra delle sue ottime prove di regia contraddistinta da uno stile impeccabile che, armonizzando i dialoghi con i movimenti di macchina, riesce a smorzare l’effetto claustrofobico della pellicola. Il film è quasi interamente girato in interni e narra di una rapina ad opera di quattro persone vestite da imbianchini entrano nell'affollata hall del Manhattan Trust, una succursale di un'istituzione finanziaria internazionale a Wall Street. Nel giro di pochi secondi, i rapinatori mascherati mettono la banca sotto un assedio pianificato con chirurgica precisione, 50 tra clienti e impiegati diventano involontari ostaggi di un furto inattaccabile. Qui entra in scena il negoziatore della polizia Keith Frazier (un bravissimo Denzel Washington) che gioca al gatto e al topo con il capo della banda (un Clive Owen quasi sempre incappucciato). Ma Inside man non è solo un thriller, è anche un film con molti spunti sociali. Grazie all’inappuntabile sceneggiatura, con parecchie sfumature humour, del debuttante Russell Gerwitz lancia messaggi, infatti, e stoccatine sulla violenza gratuita (memorabile la scena dell’interrogatorio dell’ostaggio sick scambiato per arabo). Lee è riuscito, insomma, a unire in questa pellicola il classicismo del genere noir (rende omaggio ai film di rapine e corruzione anni 70) alla osservazione-denuncia della situazione sociale americana malata di fantasmi e psicosi post 11 settembre.



Trovare un difetto all’ultima fatica del grande Spike è un’impresa ardua: il montaggio è serrato, l’uso della musica è sapiente e mai ridondante (il regista continua il connubio con il jazzista Terence Blanchard), la scelta degli attori è incomparabile (oltre ai protagonisti anche Jodie Foster, Christopher Plumer e Williem Dafoe sono pefetti nei loro ruoli).
Vedendo Inside man i cinefili non possono non andare indietro con la mente a quel capolavoro di Sidney Lumet con Al Pacino e John Cazale che si intitola “Quel pomeriggio di giorni da cani” .
Insomma, ancora una volta, l’ottimo Spike Lee, che debutta ora con un film commerciale, a grande budget, ha fatto la cosa giusta! Al suo esordio sugli schermi americani questo thriller ha dominato il botteghino incassando 29 milioni di dollari speriamo che anche il pubblico italiano dia il giusto apprezzamento ad un film che rappresenta il cinema con la C maiuscola.



giudizio: * * * *



Il musicista di Spike Lee
Terence Blanchard
Ancora una splendida colonna sonora per Inside Man



(Sabato 8 Aprile 2006)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro