.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


DVD della Cecchi Gori distribution

Tuttotorna

Secondo film di Emiliano Cribari


di Francesco Lomuscio


Nazionalità: Italia
Anno: 2005
Genere: Commedia
Regia: Emiliano Cribari
Interpreti: Erika Renai, Fabrizio Rizzolo, Cristina Fassio
Distribuzione: Cecchi Gori
Video: 4:3
Audio: Italiano Dolby Digital 2.0
Sottotitoli: Italiano per non udenti
Extra: Backstage, Trailer, Biografie, 60 secondi, Diario di bordo, Cantiere fotografico
Durata: 94’
Codice area: 2



Trama:
Vito è un regista alle prese forse con la sua opera più difficile: un film a lunghi tratti autobiografico, frammentario, multiforme, comico e drammatico insieme, recitato in vernacolo e in lingua, tutto ambientato in una piazza di paese. A metà riprese, però, improvvisamente, la sua troupe si ribella, minacciandolo di non portare a termine il lavoro.

Recensione
Del poeta e scrittore Emiliano Cribari già sentimmo parlare tempo fa, in ambito cinematografico, per il mediometraggio d’esordio La ricreazione (anch’esso disponibile in dvd su etichetta Cecchi Gori), nel quale cercò di condensare i diversi aspetti della vita attraverso gli occhi e le parole di un gruppo di studenti.
Girata in parte a colori ed in parte in bianco e nero, Tuttotorna, sua seconda fatica registica, evidentemente infarcita di riflessivo pessimismo, si presenta immediatamente come un’opera più matura della precedente, anche se risulta quasi impossibile capirne il significato senza leggere la sinossi sul retro della fascetta.
Gli ultimi trenta minuti sono sicuramente i più interessanti e coinvolgenti di un elaborato ottimamente interpretato in cui, tra personaggi più o meno grotteschi ed un pizzico d’indispensabile ironia, l’aria che si respira è quella anticonformista dei prodotti della Nouvelle Vague. E mentre le belle musiche di Lorenzo Piggici fanno da commento al tutto, sorge spontaneo chiedersi per quale motivo buona parte dei giovani cineasti italiani d’inizio millennio sentano il desiderio di voler apparire a tutti i costi come i nuovi Godard; quando possiamo tranquillamente affermare che non sentiamo più bisogno neanche del vecchio.
Nutrita la sezione riservata ai contenuti speciali.



(Sabato 5 Agosto 2006)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro