.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Debutta dietro la macchina da presa

Eva Herzigova

Con un film autobiografico


di Oriana Maerini


Eva racconta Eva. La Herzigova sta iniziando a girare il suo primo film dietro la macchina da presa. Si tratta di una pellicola autobiografica che narra la vita della bellissima top model da Praga fino alle passerelle parigine e al suo lavoro da stilista. Da noi è diventata famosa per la campagna del famoso reggiseno push up Wonderbra ma allora era già una modella molto affermata. Nata il 10 marzo 1973 a Litvinov, nell'attuale Repubblica Ceca, è diventata fotomodella per caso grazie alla sua amica Pauline che la convinse a partecipare ad un concorso di bellezza. Comincia a frequentare le passerelle e fa da apripista all'ondata di modelle provenienti dall'Europa dell'Est. Molti la definiscono la Marilyn dei nostri giorni ma lei tiene a precisare che con l’indimenticabile diva americana ha in comune solo le curve.
Infatti Eva è una Top model intellettuale non solo perchè sfoggia un'invidiabile attitudine poliglotta ( parla correntemente cinque lingue, ceco, russo, inglese, francese e italiano) ma anche perchè ama viaggiare, cucinare e leggere. Eva Herzigova è un'ottima imprenditrice di se stessa: ha realizzato una linea di costumi che porta la sua firma e, oltre a numerose apparizioni in tv (ha partecipato al Festival di Sanremo del 1998), ha intrapreso anche la carriera di attrice ("Les Anges Guardien" con Gerard Depardieu e "L'amico del cuore" di Vincenzo Salemme). Ma la sua carriera di attrice non finisce qui: nel 2007 girerà Go Go Tales diretta da Abel Ferrara dove sarà una ballerina di lap dance. Noi l’abbiamo intervistata in occasione del varo della nuova ammiraglia Concordia della Costa Crociere dove faceva la madrina indossando uno splendido vestito rosso con ampio décolleté.

Che effetto le fa essere madrina nel varo di una nave?
Non so cosa significa è la prima volta che mi capita. Forse è come fare la madrina ai bambini degli amici durante i compleanni ma comunque avverto un senso di responsabilità: è come portare a battesimo una bambina che si chiama Concordia.

Lei ama viaggiare in crociera?
No, non ho mai fatto questa esperienza anche se viaggio molto in barca a vela. Ammetto che non mi incuriosiva molto l’idea ma qui ho appreso da Antonella Clerici (il maestro di cerimonia del varo. Ndr) che lei ha incontrato il suo uomo proprio in una crociera...Questo mi intriga.

Lei si sente una privilegiata con il suo lavoro di modella?
No, a dispetto delle apparenze, questo è un lavoro molto duro che rischia di gettare la ragazza che intraprende questa carriera nella più assoluta solitudine.

Come mai ha deciso di passare dietro la macchina da presa?
E' un’idea che mi balena da un po’ di tempo. Ho scritto il soggetto basato sulla mia vita: il film ripercorrerà la parabola di una ragazza dell'Est che arriva al successo nel mondo della moda.

Ma lei ha rifiutato di lavorare con il grande Kubrick...
Si, ero a New York quando ricevetti un fax e poi una telefonata personale di Kubrick. Ero affascinata dall'idea di fare un film con lui, ero pronta ad accettare. Ma ho dovuto rifiutare perchè voleva che recitassi nuda. Ho chiesto allora di apparire con qualcosa addosso, ma lui non ne ha voluto sapere. L’idea che il leggendario regista di due tra i miei film preferiti, Shining e Full Metal Jacket, mi avesse cercato personalmente mi ha reso felice.

Qual è una delle sue grandi passioni?
Correre a tutto gas sulla mia Harley Davidson fiammante.



(Lunedì 9 Ottobre 2006)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro