.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


La vita invisibile dei "writers"

Scrivilo sui muri

Una sceneggiatura molto leggera


di Samuele Luciano


Per realizzare questo film, Giancarlo Scarchilli ha esplorato per un certo periodo la vita invisibile dei writers: i ragazzi che con l’uso di bombolette spray e pennarelli indelebili, creano i murales nelle nostre città.
Scarchilli ne ricava tuttavia una sceneggiatura molto leggera.
Infatti, per descrivere i retroscena dei giovani sconosciuti che imbrattano ad arte le pareti della città, il regista, amico dei furono Vittorio Gassman e Sergio Citti, ha scelto i toni della commedia, ammiccando nello stile ad autori più recenti come Moccia, Brizzi, ecc.



La storia di Sole (Cristiana Capotondi), studentessa di famiglia borghese sull’orlo del suicidio che un giorno entra magicamente a far parte di un gruppo di graffitisti de Roma che di giorno lavorano e di notte creano nei luoghi più remoti della capitale, si mimetizza in una filmografia sempre più di moda, caratterizzata da ritratti giovanili molto stereotipati in cui la grande fetta di teenager italiani possa riconoscersi.
Un’operazione abbastanza furba quindi, quella di Scarchilli, che riesce a coinvolgere lo spettatore per il buon montaggio, le musiche congrue e la simpatia di personaggi particolari, come l’attaccabrighe Bronks (Mattia Braccialarghe), attore di cui fa ridere già il cognome, nonché il padre dell’altro writer Emiliano (Daniele De Angelis), il quale conserva con cura da anni un furgoncino Transporter della Volkswagen.


Tutto questo basterebbe per una commedia passabile, se non fosse per qualche maldestro tentativo di riflessione sociale.
Per esempio quando si mettono in evidenza la solidarietà e i principi morali che reggono l’amicizia tra gli attuali adolescenti, o quando si abbozza qualche dialogo da cene borghesi per rimarcare la dicotomia trita e ritrita capitalisti/artisti.
Cammeo di Anna Galiena, quasi irriconoscibile.
Dimenticabile la prova di Dolcenera, che recita facendo esercizi di tecnica diaframmatica.

giudizio: **


Presentano oggi il film "Scrivilo sui Muri"
Scarchilli e Capotondi
Regista e attrice spiegano il mondo dei writers dall'interno



(Martedì 18 Settembre 2007)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro