.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Performance calibrata del grande Murphy

Piacere Dave

Commedia per tutti i gusti


di Mirko Lomuscio


Dopo i fasti commerciali di Norbit, l’accoppiata Eddie Murphy/Brian Robbins torna insieme per gettarsi in una commedia per famiglie a sfondo fantascientifico, con tanto di effetti speciali.
Vestito di bianco come il Tony Manero de La febbre del sabato sera, Dave Ming Chang (Eddie Murphy) è uno strano tipo di colore che si aggira per le strade di New York facilmente propenso ad assumere comportamenti assurdi, lottando con maglioni e divorando decine e decine di hot dog senza battere ciglio.
La verità è che Dave è un’unità robotica al cui interno piccoli esseri provenienti da un mondo lontano lavorano per manovrarlo e portare avanti una delicata missione di salvataggio che potrebbe coinvolgere l’intero pianeta.



Piacere Dave è una commedia per grandi e piccini si lascia tranquillamente vedere, grazie alla performance calibrata del grande Murphy – che, fortunatamente, questa volta recita senza chili di trucco sfoggiando la sua mimica comica in un ruolo che avrebbe fatto la felicità di Jim Carrey – e ad un look generale che riporta alla memoria tanti fanta-prodotti per giovanissimi degli anni ’80.
Non a caso, il regista Robbins sembra proprio guardare a quel decennio, complice anche la musica di John Debney (La passione di Cristo) che conferisce al tutto l’atmosfera giusta, mentre gli effetti speciali, anche se in alcuni casi un po’ troppo legati alla vecchia maniera (sia nel bene che nel male), danno comunque l’indispensabile senso di spettacolarità che serve a Piacere Dave per attirare più pubblico possibile.
Il resto, tra comprimari che vanno da Elizabeth Banks (Spider-man) a Gabrielle Union (Bad boys 2), passando per un simpatico Scott Caan (Ocean’s eleven) che finisce per rivelarsi il miglior elemento del cast insieme al protagonista, lo fa lo script di Rob Greenberg e Bill Corbett, il quale, partendo da uno spunto che molto deve a Men in black di Barry Sonnenfield, finisce per creare una storia che tira fuori una serie di battute e situazioni divertenti volte a sfociare in una classica morale per famiglie.


giudizio: * *









(Martedì 26 Agosto 2008)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro