.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Il secondo tassello della trilogia di Davide Manuli

Girotondo, giro attorno al mondo

La risposta italiana a Trainspotting di Danny Boyle


di Francesco Lomuscio


Nazionalità: Italia
Anno: 1998
Genere: Drammatico
Regia: Davide Manuli
Interpreti: Luciano Curreli, Sarah Boberg, Simona Caramelli
Distribuzione: Millennium Storm
Video: 4:3
Audio: Italiano 2.0
Sottotitoli: Italiano
Extra: Cortometraggio Bombay: Arthur road prison
Durata: 76’
Codice area: 0


Trama:

Prostitute, tossicodipendenti, nomadi e travestiti sono soltanto alcuni dei personaggi che popolano l’assurdo, degradato universo urbano di periferia attraversato da Angelo, il quale ha appena perso il suo migliore amico, vittima dell’eroina.

Recensione:

Si tratta del secondo tassello della trilogia in bianco e nero che Manuli ha dedicato al tema della solitudine, cominciata con lo short Bombay: Arthur road prison – presente quale contenuto extra di questo dvd – e conclusa con il lungometraggio Beket.
Giustamente definito da Fabio Ferzetti de Il messaggero come un affresco dark della periferia che mescola in maniera assurda Abel Ferrara, Hal Hartley e il primo Kusturica, è un anarchico viaggio tra grottesche figure parlanti diverse lingue e non lontane da quelle che popolavano i surreali ritratti di borgata pasoliniani.
Borgata retrò tanto realisticamente brutta quanto artisticamente affascinante che finisce per rappresentare un ideale involucro di sincerità, isolato da quello che è il moderno e apparentemente lindo universo borghese.
Con abbondanza di macchina a spalla, uso sempre funzionale della colonna sonora e montaggio capace di rendere incalzanti al punto giusto i circa 76 minuti di visione, più vicini a una rilettura fuori di testa di Amore tossico di Claudio Caligari che a una risposta tricolore al quasi contemporaneo Trainspotting di Danny Boyle.


Tratto dall'opera teatrale "Aspettando Godot" di Samuel Beckett.
Beket
Chiude la trilogia di Davide Manuli sulla solitudine
Il film ha vinto il premio della critica al Terradisienefilmfestival










(Mercoledì 18 Febbraio 2009)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro