.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Un fanta-movie firmato da Stuart Gordon

Robojox

DvD distribuito da Stormovie


di Francesco Lomuscio


Titolo originale: Robot jox
Nazionalità: USA
Anno: 1989
Genere: Fantascienza
Regia: Stuart Gordon
Interpreti: Gary Graham, Anne-Marie Johnson, Paul Koslo, Robert Sampson
Distribuzione: Stormovie
Video: 16:9 anamorfico
Audio: Italiano 5.1, Italiano 2.0, Inglese 2.0
Sottotitoli: Italiano
Extra: Trailer originale, Galleria fotografica, Filmografie
Durata: 82’
Codice area: 0


Trama:

In un immaginario futuro, dove le contese mondiali vengono risolte attraverso scontri tra potenti robot da combattimento guidati elettronicamente da addestratissimi piloti, Achilles e Alexander, campioni del momento, si confrontano per il possesso dell’Alaska.

Recensione:

Penalizzato da una lavorazione travagliata, si tratta del quarto lavoro diretto da Stuart Gordon, futuro autore di 2013-La fortezza e Edmond, sotto la produzione della Empire pictures di Charles Band, per la quale aveva già firmato i classici dello splatter Re-Animator, From beyond-Terrore dall’ignoto e Dolls-Bambole.
Con lo stesso Gordon impegnato anche in un’apparizione nei panni di un barista, è praticamente un fanta-movie che vanta l’originale tentativo di trasferire in versione live action le storie di guerra affrontate con imponenti robot da combattimento, tipiche dei cartoon giapponesi
Chi ben conosce l’interminabile produzione di Mr Band, però, sa benissimo che, trattandosi di lungometraggi finanziati secondo la migliore filosofia del low budget, ad essere privilegiati sono soprattutto gli interni, necessari al fine di camuffare abilmente la pochezza di mezzi.
In questo caso, infatti, viene tirata in ballo anche una sottotrama relativa allo spionaggio sportivo, tanto che la notevole presenza dei dialoghi rischia in più di un’occasione d’infiacchire la narrazione, fino ad un epilogo dal sapore fortemente pacifista.
Niente paura, però, perché gli ottimi effetti speciali in stop motion per mano del compianto David Allen, degno erede del mitico Ray Harryhausen, occupano comunque il loro degno spazio.





(Domenica 9 Agosto 2009)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro