.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Un horror firmato da Ulli Lommel

Son of Sam

DVD distribuito da CG Home Video


di Francesco Lomuscio


Titolo originale: Son of Sam
Nazionalità: USA
Anno: 2007
Genere: Thriller
Regia: Ulli Lommel
Interpreti: Yogi Joshi, Elissa Dowling, Jamie Bernadette, Cassandra Church
Distribuzione: CG Home Video
Video: 16:9
Audio: Italiano Dolby digital 2.0, Inglese Dolby digital 2.0
Sottotitoli: Italiano, Inglese
Extra: ---------------
Durata: 81’
Codice area: 2 Pal


Trama:

New York, seconda metà degli anni Settanta. Definito dai giornali “il killer della calibro 44”, David Berkowitz (Yogi Joshi) confessa di essere membro di una setta satanica, mentre la spirale di paura e terrore continua a crescere.

Recensione:

Classe 1944, il tedesco Ulli Lommel è conosciuto tra i fan dell’horror soprattutto per il piccolo cult Mirror-Chi vive in quello specchio? (1980), cui ha fornito anche un paio di sequel mai distribuiti in Italia.
Con oltre cinquanta regie all’attivo, tra grande e piccolo schermo, nel XXI secolo si è cimentato soprattutto in una serie di prodotti girati in digitale e a bassissimo costo per il mercato dei dvd, tra i quali ricordiamo Zombie nation (2004) e titoli come Zodiac killer (2005) e Green river killer (2005), ispirati alle gesta di serial killer realmente esistiti.
Anche questo Son of Sam, sulla falsariga di Summer of Sam-Panico a New York (1999) di Spike Lee, prende le mosse dalla figura di colui che assassinò sei persone e ne ferì sette durante una serie di attacchi per le strade della Grande Mela, tra il 1976 e il 1977.
Ovviamente, trattandosi di un economicissimo straight to video, la messa in scena e la recitazione presentano un sapore quasi amatoriale, come pure il poco splatter presente. Il regista, infatti, al fine di ossessionare lo spettatore, punta soprattutto sull’assillante voce interiore che spinge l’omicida ad avventarsi sulle sue vittime.












(Giovedì 1 Aprile 2010)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro