.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Rinascita della commedia?

Il cinema italiano: tutta una barzelletta

Piccole storie senza copione


di Pino Moroni


Nell’articolo Storia della commedia all’italiana attraverso due grandi sceneggiatori, Pino Moroni scriveva su ‘Cinebazar’.
I personaggi escono dalle macchiette dell’avanspettacolo (vedi Totò, Nino Taranto, Rascel, ecc.) e diventano uomini veri di quella società italiana che, da povera, in pochi anni diventerà ricca con ogni mezzo e pur sempre mentalmente stracciona e cialtrona. Il merito di Age e Scarpelli, venuti come Fellini dall’esperienza della rivista satirica “Marc’Aurelio” è stato quello di saper trasformare uno sketch satirico, un fumetto, una striscia, un raccontino ironico in copioni, con personaggi amari, leggeri e profondi, complessi, profondamente radicati in quello che è il linguaggio cinematografico. Con le loro sceneggiature a quattro mani, hanno dato uno spessore a questo tipo di italiano che muta, facendo ridere ma anche pensare, in un misto agrodolce di allegria e di tristezza, di vitalità e di morte. Age e Scarpelli hanno creato personaggi eccezionali per interpreti anche eccezionali, come Tognazzi, Sordi, Gassman, Mastroianni, Manfredi, ed altri)."


Qual è la situazione dell’ attuale cinema italiano? Escono nelle sale film, confezionati in poco tempo, per comici o partecipanti di trasmissioni televisive, che vanno di moda (Zelig, Le iene, Mai dire goal, Il grande fratello, Amici, ecc.).
Piccole storie esili, trasparenti, senza copione, a più personaggi dentro episodi incrociati, in un susseguirsi di sketch e battute. Sono le nuove confezioni, svaccate e ripetitive, con facili giochi di parole ad effetto e situazioni sempre più vuote e paradossali.

Ed ognuna con incassi "strepitosi", che bugiarde statistiche accreditano come migliori incassi di tutti i tempi.
Se un qualche successo economico c'è è solo merito del passaparola, quella pubblicità occulta che passa attraverso menti svuotate di qualsiasi senso critico e conoscenza cinematografica.
Il tam tam, oltre che dai comunicati stampa delle produzioni, copiati dai nuovi critici sedentari, viene anche dai trailers.
Tutti uguali, ma diffusi dalle tv in maniera martellante.
Una scenetta, una battuta, più o meno da ridere, accompagnati da un bombardamento sonoro, per richiamare l’attenzione sulla prossima scena e battuta, all’infinito.


Proverò a scrivere alcune delle frasi più richieste nell’ultimo mese, in cui sono usciti i film:
Manuale d’amore 3
Che bella giornata
Qualunquemente
Immaturi
Femmine contro maschi

“Mio nonno, una vecchiaia di merda doveva fare. Dei morti non si deve parlar male. Bastardo”. “Sarei ipocrita se dicessi il viceversa”. “Il bagno è libero. E vai a cagare” (Che bella giornata).

“I have no dream, ma mi piace u pilu” “Mi è stato chiesto se vinco che cosa voglio fare per i poveri bisognosi: una beata minchia”, “Le donne non devono entrare in politica è la politica che deve entrare nelle donne" (Qualunquemente).

“L’amore è un castigo. Ci punisce per non essere rimasti a casa da mamma e papà”. “Sono 104 giorni che non faccio sesso. Però ieri ho fatto l’amore”. “A 18 anni ti interroghi sul senso della vita. A 40 non te ne frega più un c….” (Immaturi).

“Io non dico di essere innamorata di te… però sto un pezzo avanti.” “Lui: ti devo dire tre parole. Lei: quali: cuore, sole, amore? Lui: no, sei una merda” “Maschi con le lettera grande, nome proprio di persona” (Femmine contro maschi).

“-Defuntibus vostrum -Eh? -Mortacci vostri!" (Manuale d’amore 3).



In conclusione personaggi non più radicati nel linguaggio cinematografico, ma solo comparse televisive, che non diventeranno mai interpreti meno che normali, in storie che non raccontano più la realtà ma una brutta copia degli spettacoli dei guitti nostrani del varietà quotidiano, stanno invadendo il cinema italiano.

Con questo non stiamo ritornando al cinema precedente, alla felice stagione della commedia all’italiana.
Allora, a dirla con Totò, il cinema era tutta “n'ata cosa”.


A margine di “Io, loro e Lara”
Carlo Verdone e la nuova commedia all’italiana
Badanti e extracomunitarie contendono i ruoli ai parenti-serpenti

Un genere da riscoprire
Commedia brillante, la gioia di vivere
Dagli anni '30 di Hollywood i film scacciapensieri

Il ritorno alla commedia di Gabriele Salvatores
Happy Family
Script convincente per una pellicola elogio al divertimento

Mario Monicelli
La sostenibile leggerezza del cinema
Un libro intervista sul grande maestro

La scomparsa di Age
Storia della “commedia all’italiana” attraverso due grandi sceneggiatori
Una felice stagione del cinema

I "non protagonisti"
Totò, Peppino e gli altri
L'Europeo monografico sulla commedia italiana
I "caratteristi" che hanno fatto grande la commedia italiana.



(Giovedì 10 Febbraio 2011)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro