.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


DVD distribuito dalla Universal

The American

Un non-thriller per palati fini con Clooney come protagonista


di Roberto Leggio


Titolo originale: The American
Nazione: Stati Uniti
Genere: Thriller, Drammatico
Durata: 105 min
Anno di produzione: 2010
Regia: Anton Corbijn
Distribuzione: Universal Pictures International Italy
Produzione: Focus Features, Greenlit Rights, Smoke House, This Is That Productions
Sottotitoli: Italiano, Inglese, Spagnolo
Lingua Doppiaggio: Italiano, Inglese, Spagnolo
Durata: 100
Vietato ai minori: No
Formato Video:
Formato Audio:
Area DVD: 2
Colore/Bianco e Nero: Colori
DVD nella confezione: 1
Sottotitoli in inglese per non udenti

Contenuti extra:
-Scene eliminate
-Viaggio verso la redenzione: la creazione di The American
-Commento del film con il regista Anton Corbijn



Trama

Jack (George Clooney) è un killer professionista e senza scrupoli che, dopo aver fallito la sua ultima missione tra le gelide tundre della Scandinavia, decide che il suo prossimo incarico sarà anche l'ultimo. Nascosto nelle campagne abruzzesi per ritrovare la pace interiore ed attendere nuove istruzioni, Jack stringe amicizia con il prete del paese e si innamora di Clara (Violante Placido, giovane prostituta incontrata in una casa di appuntamenti. Ma mentre il loro rapporto si trasforma in qualcosa di serio, una nuova minaccia mette a rischio la sua nuova vita.

Recensione

I Can't escape my self. In un paesino dell'Abruzzo, un killer in fuga dalla routine, cerca solitudine e una sorta di redenzione. Incontra un prete e una prostituta, peccatori tra i peccatori, mentre con dovizia certosina porta avanti un ultimo “lavoro”: costruire un fucile con capacità inimmaginabili, che non servirà a lui ma ad un'altra bella killer. Per arrivare a sapere su chi verrà rivolto il mirino, bisognerà aspettare il finale durante una manifestazione religiosa. Anton Corbjin, fotografo degli U2 , Depeche Mode e altri grandi del Rock contemporaneo, prende un vecchio romanzo thriller di Martin Booth (A Very Private Gentleman) e ne tira fuori un noir rarefatto, freddo, inteso e magari anche un po' demodé Girato in Abruzzo (per aiutare la regione dopo il terremoto, anche se sullo schermo i segni del disastro non si vedono), The American è un film che si può definire astratto, dove non accade quasi nulla e la poca azione è racchiusa in un paio di scene dove a parlare sono le pistole (spesso con il silenziatore). George Clooney, che ha appoggiato il progetto fin dall'inizio, si immerge in un personaggio quasi lunare, un killer sul viale del tramonto, sopraffino artigiano (di morte e di ingegno) con un grosso senso di colpa, tentato di uscire dal giro, vivendo anonimo con lo scopo di rivedere la propria vita, lasciandosi alle spalle le morti (che ha causato a pagamento) e provando a rifarsi una esistenza degna di essere vissuta. Ma è anche cosciente che il cerchio della violenza non si può facilmente spezzare e che fuggire da se stesso è praticamente impossibile. Non un capolavoro, ma un film di sguardi, silenzi e momenti di riflessione. Non certamente per tutti, ma per palati sopraffini. La versione in DVD e Blu Ray è ottima, con una risoluzione fotografica sopra alla media che permette di godere i colori freddi delle luci utilizzate da Corbjin per raccontare i tormenti del protagonista alla ricerca di una via di fuga. Un po' poveri gli extra, comprensivi di Scene eliminate, una sorta di making off dal titolo Viaggio Verso la Redenzione: la creazione di The American, con il commento al film del regista, il quale confessa di essersi ispirato ai western di Sergio Leone.



(Martedì 15 Febbraio 2011)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro