.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Un Cuento Chino sbaraglia tutti

L'Argentina vince al Festival di Roma

Italiani a secco tra le polemiche


di Roberto Leggio


Roma – Neanche nel Festival “de noantri” il cinema italiano vince qualcosa. Sarà che forse per sembrare più internazionale si doveva per forza premiare uno straniero. Così alla fine di un festival stanco , sottotono e nato morto; ha vinto l'argentino “Un Cuento Chino” di Sebastiàn Borensztein; storia di un uomo la cui vita viene cambiata dall’incontro con un cinese sbarcato nel paese sudamericano. Un film godibile e intelligente che piaciuto proprio a tutti, critica e pubblico. Così con ben quattro film in concorso gli italiani restano alla finestra a guardare gli altri. Una scelta probabilmente politica e coraggiosa (che scatenerà polemiche a non finire), anche perché i nostri autori (e con loro i film) nelle altre competizioni internazionali non brillano certo di consensi. Perciò zero assoluto su tutta la linea. Roma Ladrona, griderà qualcuno e noi aggiungiamo poco generosa. In quanto in un festival “inerte”, ed in qualche modo inutile, un contentino a qualcuno potevano concederlo. Su due piedi ci viene in mente il simpatico e scombiccherato “La Kryptonite nella borsa” di Ivan Cotroneo, oppure con riserva “Un giorno questo dolore ti sarà utile” di Roberto Faenza. Due opere a se stanti ma parallelamente uguali, che raccontano entrambi un romanzo di formazione, infantile uno, adolescenziale l’altro, cha avrebbero meritato almeno un riconoscimento. Invece la giuria, presieduta da Ennio Morricone, ha preferito ampliare spazi e temi, consolidando il tabù che il cinema italiano non debba meritare niente, soprattutto a casa propria. Così andando controcorrente di Cédric Kahn si è aggiudicato il premio per la miglior interpretazione maschile, andato a Guillaume Canet; e che Noomi Rapace si portasse a casa il premio come miglior attrice per Babycall. Il Gran Premio Speciale della Giuria è andato a Voyez comme ils dansent di Claude Miller; mentre il premio Speciale per la Giuria è andato a The Eye of The Storm di Fred Schepisi, e quello per la colonna sonora è andato al tedesco Hotel Lux di Ralf Wengenmayr. Il Marc’Aurelio per il miglior documentario è andato a Girl Model di David Redmon e Ashley Sabin, mentre i premi assegnati dalle giurie dei ragazzi al concorso Alice nella Città sono andati a Noordzee Texas di Bravo Defeurne e a En el nombre de la hija di Tania Hermida P. Mentre Circumstance di Maryam Keshavarz e La Brindille di Emmanuelle Millet, hanno ricevuto il premio ex equo come migliori esordienti. Il Festival del Film di Roma va in archivio, senza aver pesato nel panorama internazionale, congedandosi con molti dubbi e molte promesse mancate. Ma non abbiate paura la settima edizione si farà e pare che verrà anticipata al 15 Ottobre 2012.

Il primo film tridimensionale della storia del cinema italiano
Totò in 3D restaurato al Festival di Roma
Torna in sala dopo 60 anni
Uno degli eventi della 6ª edizione.

Aspettando l'anteprima al Festival di Roma ecco il videoclip
La kryptonite nella borsa
Il debutto alla regia di Ivan Cotroneo
Nelle sale dal 4 novembre distribuito dalla Luckyred

Spielberg e Jackson realizzano un sogno ambizioso
Le avventure di Tintin- Il segreto dell’Unicorno
Finalmente sul grande schermo il protagonista del famoso fumetto belga
Visto per voi in anteprima in Belgio.

Protagonista del nuovo film di Pupi Avati "il cuore grande delle ragazze"
Micaela Ramazzotti
Oggi in concorso al Festival Internazionale del film di Roma

Evento al Festival del film di Roma
La meravigliosa avventura di Antonio Franconi
Un film di Luca Verdone sul mondo circense. Massimo Ranieri come protagonista




(Venerdì 4 Novembre 2011)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro