.


Film in uscita Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Dentro un libro cosa vorremmo leggere?

American Fiction

Surreale, grottesca satira sull’afro-american style


di Roberto Leggio


Il professore e scrittore inglese Thelonious "Monk" Ellison scrive un romanzo satirico sotto pseudonimo, con l'intento di smascherare le ipocrisie dell'industria editoriale.


Quando apriamo un libro cosa vogliamo leggere veramente? Una storia che sebbene inventata possa essere un riflesso della realtà? Oppure che ci narri di cliché ben definiti di personaggi che ‘raccontino’ del loro vissuto? In una sorta di istant movie comprendere American Fiction, piccolo film che agli ultimi Oscar ha vinto come migliore sceneggiatura non originale; è alquanto complicato. Soprattutto per chi come noi europei, non distiguiamo la differenza tra Wasp e Afroamericani. Il film di Cord Jefferson affonda le radici nel voler mostrare la vita del ghetto, parolacce, violenza, famiglie disfunzionali, rap, gangsta e morte. Perché i "neri' d'America vengono codificati solo in questo modo e in nessun altro. E questo è il grosso dilemma di Thelonious "Monk" Ellison, scrittoricchio molto dotato della lingua inglese, molto colto, proveniente da una famiglia medio alta; che vede il suo ultimo romanzo ricacciato in quanto è troppo intellettuale. Troppo ben scritto. Così in un momento di rabbia crea sotto falso nome un pulp dal titolo eloquente: Fuck. Ed ecco fatto: Jefferson (che ha tratto la sceneggiatura dal romanzo “Cancellazione” di Percival Everett) con grande padronanza del grottesco e di una satira possente, mette sotto accusa tutta quella editoria che preferisce stampare robaccia che venderà centinaia di migliaia di copie, invece che scovare un autore di spessore, pronto magari a guadagnarsi il Pulitzer. Teohlonius Monk, (come il famoso jazzista) si aggira per la pellicola pieno di sensi di colpa, sempre sul punto di rivelare la sua vera identità... ma si scontra, in momenti surreali e comici, con un mondo che vede la negritudine come una dannazione senza speranza. Non un capolavoro. ma quasi.

Giudizio ***



(Sabato 2 Marzo 2024)


Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro